Ricerca

lunedì 23 gennaio


Come saggiare le nuove funzionalità di WordPress 3.0 in ambiente Windows

Come saggiare le nuove funzionalità di WordPress 3.0 in ambiente Windows

di Michele Nasi (21/06/2010)

WordPress, celeberrima piattaforma CMS ("content management system") opensource che consente la gestione di blog, ha compiuto sette anni a maggio. Secondo i dati resi noti, sarebbero ben 28.000 i download giornalieri del prodotto e 11,4 milioni di installazioni attive.
Per commemorare l'importante traguardo raggiunto, il team di sviluppo di WordPress ha rilasciato la terza versione della piattaforma che porta con sé alcune interessanti novità.
In questo articolo spieghiamo come sia possibile provare WordPress 3.0 sulla propria macchina Windows (a partire da Windows XP in poi) servendosi dell'"infrastruttura" messa a disposizione dalla Microsoft Web Platform 2.0, già presentata nelle pagine del sito in questo precedente articolo. Per provare WordPress 3.0 suggeriamo ad esempio di allestire allo scopo una macchina virtuale con VirtualBox o VMware Player.

Dopo aver scaricato ed avviato la Web Platform 2.0, nella finestra dell'"Installazione guidata piattaforma Web 2.0", è sufficiente cliccare su Piattaforma web quindi su Personalizza in corrispondenza della sezione Server web. A questo punto, è necessario spuntare Internet Information Services e FastCGI 1.5.

Cliccando su Torna a Piattaforma web, va premuto ancora Personalizza - questa volta in corrispondenza di Framework e runtime - quindi spuntare le voci Windows Cache Extension per PHP 5.2 e PHP 5.2.x.

Con un clic sul pulsante Installa, si darà il via alla procedura di installazione del web server IIS e dei componenti necessari per l'esecuzione degli script PHP (questi ultimi verranno scaricati da Internet: è quindi indispensabile verificare di disporre di una connessione attiva e funzionante). Nel caso in IIS non fosse già installato sulla macchina in uso, è bene tenere a portata di mano il CD od il DVD d'installazione di Windows.

Oltre al motore vero e proprio di PHP, attraverso la Web Platform 2.0 di Microsoft si è provveduto a richiedere l'installazione di FastCGI e dell'estensione per il caching degli script: questi due componenti, combinati, consentono di ottenere prestazioni eccellenti senza pagare lo scotto in termini di stabilità. In questo articolo abbiamo spiegato, più nel dettaglio, l'aspetto legato all'esecuzione di script PHP su IIS.

Una volta terminata l'installazione, si dovrà cliccare sui pulsanti CompletatWoa quindi su Esci.

Il web server di Microsoft è già pronto per eseguire pagine PHP ed è già configurato, quindi, per far funzionare WordPress, nella sua ultima versione. Al momento la Web Platform di Microsoft non è stata ancora aggiornata per consentire l'installazione diretta di WordPress 3.0.

Suggeriamo quindi di procedere dapprima all'installazione di Oracle MySQL 5.1.x "Community Server" per Windows. Per procedere al download, è necessario collegarsi con questa pagina e prelevare il file "MSI Installer Essentials" a 32 o 64 bit (a seconda della versione di Windows in uso).

Per avviare la procedura di scaricamento del file, basta cliccare su Download quindi su No thanks, just take me to the downloads e scegliere uno dei server HTTP o FTP in elenco.

Dopo aver prelevato il file d'installazione di MySQL, si dovrà fare doppio clic sul file mysql-essential-5.1.XX-winYY.msi per avviarne il setup.
I primi passi sono piuttosto semplici: basta cliccare su Next, scegliere l'installazione Typical e confermare l'installazione cliccando sul pulsante Install.
Una volta che la procedura di setup avrà copiato sul sistema in uso tutti i file necessari, dopo aver premuto alcune volte il pulsante Next, apparità la finestra seguente.


Qui, è necessario lasciare spuntata la casella Configure the MySQL Server now e premere Finish. Così facendo verrà avviata la procedura di configurazione passo-passo del DBMS di Oracle.

Articolo seguente: Assegnare a Windows 7 lo spazio occupato dalla partizione di Windows XP
Articolo precedente: Modificare od azzerare le password degli account Windows con Ubuntu live
14371 letture
Ultimi commenti
Nessun lettore ha inviato un commento.
Vuoi essere il primo? Clicca su Inserisci il tuo commento!


Leggi tutti i commenti

Commenta anche su Facebook
Link alla home page de IlSoftware.it

P.IVA: 02472210547 | Copyright © 2001 - 2017

PRIVACY | INFORMATIVA ESTESA COOKIES | Info legali | Pubblicità | Contatti | Storia | Supporta | Credits

Segui i nostri Feed RSS de IlSoftware.it Segui i nostri Feed RSS