Ricerca

sabato 28 maggio


Continuare ad usare e aggiornare Windows XP

di Michele Nasi (23/05/2014)

Windows XP è stato ritirato l'8 aprile 2014 ed a parte l'eccezione della patch rilasciata il successivo 1° maggio ("Patch day" Microsoft di maggio: otto aggiornamenti), Microsoft non metterà più a disposizione alcun aggiornamento di sicurezza per questo sistema operativo.
Nonostante Windows XP sia stato lanciato oltre 12 anni fa (a fine agosto 2001), sono molte le aziende e numerosi i professionisti che nella propria infrastruttura informatica utilizzano ancora il sistema operativo.
Certo, la soluzione migliore è quella di abbandonare definitivamente Windows XP (Aggiornare Windows XP a Windows 7, Windows 8.1 o Linux) ma non sono pochi gli utenti che, per diversi motivi, non sono ancora pronti per migrare ad un sistema operativo più recente.
Nell'articolo Windows XP dopo aprile 2014: come mettere in sicurezza il sistema operativo avevamo presentato alcuni strumenti per porteggere le macchine che ancor'oggi sono basate su Windows XP.

Si tratta di suggerimenti senza dubbio efficaci che però non possono colmare il gap di un sistema operativo non più supportato da Microsoft e non più aggiornabile attraverso l'installazione degli updates.

Mentre Windows XP non è più supportato da parte dei tecnici di Microsoft, l'azienda di Redmond continuerà a rilasciare aggiornamenti per Windows POSReady 2009, sistema operativo – basato sul kernel di XP – che viene installato su macchine compatte, registratori di cassa, Bancomat e postazioni self-service, fino al 2019 (vedere questa pagina).

Gli aggiornamenti che Microsoft rende disponibili per Windows POSReady 2009 (tra l'altro scaricabile in versione di valutazione da qui; il codice product key è ottenibile a questo indirizzo) sono generalmente sovrapponibili a quelli per Windows XP.

Per continuare a ricevere aggiornamenti per Windows XP, attingendo all'archivio di Windows POSReady 2009 sui server Microsoft, è quindi possibile intervenire sul registro di sistema applicando una semplice modifica.

È infatti sufficiente scaricare questo file .REG e farvi doppio clic acconsentendo all'inserimento delle informazioni nel registro di sistema.
Questo il contenuto del file .REG:

Windows Registry Editor Version 5.00

[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\WindowsEmbedded\ProductVersion]
"FeaturePackVersion"="SP3"

[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\WPA\WEPOS]
"Installed"=dword:00000000

[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\WPA\WES]
"Installed"=dword:00000000

[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\WPA\PosReady]
"Installed"=dword:00000001


Per modificare il registro di sistema, è sufficiente aprire il file compresso UPDATEXP_POSREADY.zip quindi fare doppio clic sul file updatexp.reg.

Dopo aver riavviato Windows XP, accedendo a Windows Update, si troveranno una serie di nuovi aggiornamenti che prima non erano disponibili. Si tratta di tutti gli updates per Windows POSReady 2009 rilasciati dopo il ritiro definitivo di Windows XP e compatibili con quest'ultimo sistema operativo:

Nell'immagine, Windows Update mostra il messaggio "Sono stati nascosti aggiornamenti importanti" unicamente perché, sul sistema utilizzato per l'effettuazione dei test, è stato negato il download dello Strumento di rimozione malware.

L'installazione degli aggiornamenti dovrebbe essere portata a termine senza intoppi:

Dopo aver effettuato il riavvio di Windows XP si potrà godere di un sistema aggiornato, seppur non più ufficialmente supportato da parte di Microsoft.

Tutti gli aggiornamenti installati appariranno regolarmente nella sezione Installazione applicazioni del Pannello di controllo di Windows XP spuntando la casella Mostra aggiornamenti.

Importante: la procedura illustrata in quest'articolo non è in alcun modo supportata e verificata da parte di Microsoft. Qualora si decidesse di utilizzarla, è indispensabile effettuare una copia di backup di tutti i propri dati e, preferibilmente, creare un'immagine di tutto il contenuto del disco fisso, ripristinabile in caso di problemi.
Non è escluso che la procedura possa cessare di funzionare nelle prossime settimane o nel corso dei prossimi mesi.

Annullare le modifiche apportate a Windows XP

Qualora, per un qualsiasi motivo, si decidesse di annullare le modifiche apportate sul registro di sistema di Windows XP e tornare alla situazione iniziale (Windows Update non segnalerà più la disponibilità di nuovi aggiornamenti per Windows POSReady 2009), è bene tenere presente che le varie chiavi non sono direttamente eliminabili ricorrendo all'Editor del registro (regedit).

Per eliminare le chiavi inserite nel registro di Windows XP, il nostro consiglio è quello di creare il disco di boot Windows PE di AOMEI Backupper Standard 2.0 ed effettuare il boot del sistema da tale supporto.

Il disco di avvio di AOMEI Backupper, tuttavia, può essere creato solo sui sistemi successivi a Windows XP (Windows 7, Windows 8 e Windows 8.1 vanno benissimo).
Una volta che si sarà creato il disco di boot di AOMEI Backupper (maggiori informazioni nell'articolo Backup del sistema con AOMEI Backupper Standard 2.0), si potrà tornare sul sistema Windows XP ed effettuare l'avvio del sistema da tale supporto.

Cliccando su Utilities quindi su Windows shell command si dovrà digitare manualmente regedit e premere il tasto Invio.

A questo punto, è necessario seguire i seguenti passaggi:

1) selezionare la voce HKEY_LOCAL_MACHINE
2) scegliere il comando Carica hive dal menù File
3) individuare la partizione nella quale è installato Windows XP (tipicamente, C:) ed accedervi
4) portarsi nella cartella \windows\system32\config e fare doppio clic sul file SYSTEM (senza estensioni)
5) nella casella Nome chiave, si digiti WINXP e si faccia clic sul pulsante OK
6) all'interno del ramo HKEY_LOCAL_MACHINE si troverà il nuovo "sottoramo" WINXP. Selezionare WINXP quindi cercare la sottochiave WPA.
7) nella chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\WINXP\WPA eliminare le sottochiavi WEPOS, WES e PosReady.
8) nelle chiavi HKEY_LOCAL_MACHINE\WINXP\ControlSet001\Control, HKEY_LOCAL_MACHINE\WINXP\ControlSet002\Control,... eliminare la sottochiave WindowsEmbedded.
9) fare clic su WINXP (HKEY_LOCAL_MACHINE\WINXP) e scegliere il comando Scarica hive dal menù File. Cliccare sul pulsante .
10) chiudere l'editore del registro di sistema, chiudere il prompt dei comandi e cliccare sulla "X" di AOMEI Backupper per riavviare la macchina.

- Attenzione: anche in questo caso, prima di procedere, a scopo meramente precauzionale, suggeriamo di effettuare un backup completo del sistema. AOMEI Backupper è lo strumento giusto per provvedere in tal senso.

----
La segnalazione della modifica da applicare sul registro è stata pubblicata da "Sampei Nihira" sul nostro forum.

Articolo seguente: Scaricare video streaming dal browser
Articolo precedente: Tradurre indicazioni stradali, cartelli ed insegne con Word Lens Translator
106525 letture
Ultimi commenti
inviato da Sampei Nihira > pubblicato il 28/05/2016 17:28:31
E l'utente Sdfox inserisce una soluzione molto più semplice/corretta/standard della mia per aggiornare Flash PPAPI in Opera 36. http://www.msfn.org/board/topic/174085- ... ve/?page=2 Si impara sempre qualcosa,anche alla mia età. :approvato:
inviato da Sampei Nihira > pubblicato il 26/05/2016 20:54:18
La procedura di aggiornamento della versione portable di Slimjet è molto facile. Grazie al file estrattore 7-zip basta lanciare l'exe che decomprirà l'archivio nella stessa cartella usata in precedenza. Occorre naturalmente impostare la sostituzione di tutti i files. Tutte le personalizzazioni verranno mantenute. :approvato: Il mio report ha permesso di evidenziare un'altro problema: http://www.slimjet.com/en/forum/viewtop ... d783def5c4 quindi attenzione ad utilizzare alcune estensioni. Meglio usare uBlock origin.
inviato da Sampei Nihira > pubblicato il 24/05/2016 17:23:53
Risposta............... platonica vediamo se in futuro anche risolutiva anche se nell'immediato non ci sia questa necessità: http://www.slimjet.com/en/forum/viewtop ... 71a6ecf5ed Quindi come sempre: 1) Firefox (il migliore) 2) Opera 36 (se si ha l'accortezza di disabilitare il PepFlash oppure sostituirlo a cadenza regolare con una versione aggiornata) 3) Slimjet (se si può fare a meno di alcuni siti web SSL ) questo browser ha non solo la ver PepFlash aggiornata ma può anche in caso di necessità (quindi da valutare bene) usare alcuni plugins NPAPI.
inviato da Sampei Nihira > pubblicato il 23/05/2016 19:29:46
A setting completato è interessante la minore RAM consumata rispetto al mio Firefox. Che è dotato di più estensioni (per la cronaca alcune non necessaria con Slimjet perchè per esempio integra un discreto SpeedDial....ecc.ecc.) ma occorre considerare che è a singolo processo. http://s33.postimg.org/3rji0y497/image.jpg http://s33.postimg.org/j8t7zf6kr/image.jpg Occorre considerare nel settaggio (che non è proprio semplicissimo) la disabilitazione dei plugins NPAPI. Ho aperto anche una segnalazione di bugs per HTTPS Everywhere in alcuni siti web SSL. Come per Chrome è ovviamente disponibile la pagina Slimjet:flags.
inviato da Sampei Nihira > pubblicato il 22/05/2016 17:29:56
Per gli utenti che desiderano un browser Chrome-derivato un'opzione interessante potrebbe essere: http://www.slimjet.com/it/ io ho inserito in pen-drive la versione portable. Ecco qualche immagine dopo un veloce settaggio: http://s32.postimg.org/dxxtylr8x/image.jpg http://s32.postimg.org/bvez1dzqp/image.jpg Come è possibile notare la versione attuale è basata su Chromium 50. Ho installato regolarmente le solite estensioni disponibili per Chrome. A tal proposito meglio far affidamento ad uBlock Origin che al blocco pubblicità integrato. Ci sono piacevoli sorprese grazie ad un gestore risparmio memoria la RAM consumata è discretamente bassa. E' possibile scegliere i dati da eliminare all'uscita del browser. E qualche elemento di disturbo. Qualche problema in più (rispetto ad altri browser) in alcuni siti web HTTPS dopo che HTTPS Everywhere ha forzato la connessione SSL. Meglio quindi eliminare questa estensione ho reperito già almeno 2 siti web che non possono essere aperti. La disponibilità per XP come recita l'avvertenza sotto: http://www.slimjet.com/blog/regarding-s ... bit-linux/ sarà assicurata fintanto chè sarà possibile. Il Plugin Flash PPAPI è regolarmente aggiornato alla ver 242. Potrebbe essere un'ottima scelta quale browser secondario da affiancare a Firefox. P.S. E possibile togliere dalla barra il pulsante e-Bay evidenziato come elemento di disturbo in foto....
inviato da Sampei Nihira > pubblicato il 22/05/2016 13:12:10
Gli utenti che usano Opera 36 sotto XP devono non solo attivare il click to play per il PPAPI plugins Flash che rimane fermo alla ver 197. Ma farebbero bene a: 1) Disattivare il plugin stesso che è attivo a default. 2) Sostituire il plugin con una versione aggiornata cioè la 242. Per far ciò a me pare che la strada più semplice sia quella di installare una recente versione di Chrome portable (che ovviamente non sarà avviabile) e poi sostituire il pepflash nella cartella preposta. Ho provato e tutto funziona alla perfezione,almeno se consideriamo le versioni portable,quindi non ci dovrebbe essere differenza. Anche se per la visualizzazione della ver aggiornata occorre un restart. Io ho sostituito anche l'altro file senza alcun problema. p.s. Io non uso Opera perchè consuma troppa RAM........meglio Firefox che oltretutto non ha tali problemi !!!!! @ Michele Io l'ho scritto (da cani :D ) e velocemente ma probabilmente sarebbe da mettere meglio all'attenzione.
inviato da Sampei Nihira > pubblicato il 20/05/2016 19:51:29
***
inviato da Lepo > pubblicato il 12/05/2016 12:34:11
Confermo i 6 aggiornamenti escludendo lo strumento di rimozione malware. Li ho potuti ricevere ed installare pur avendo ancora le due chiavi di registro seguenti: HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\WPA\WEPOS HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\WPA\WES http://s32.postimg.org/g2bdw24ht/Appunti_Windows_1.jpg


Leggi tutti i commenti

Commenta anche su Facebook
Link alla home page de IlSoftware.it

P.IVA: 02472210547 | Copyright © 2001 - 2016

PRIVACY | INFORMATIVA ESTESA COOKIES | Info legali | Pubblicità | Contatti | Storia | Supporta | Credits

Segui i nostri Feed RSS de IlSoftware.it Segui i nostri Feed RSS