Ricerca

sabato 30 luglio


Google Hangouts userà anche l'approccio peer-to-peer

di Michele Nasi (09/02/2016)

Hangouts, la piattaforma di Google per la messaggistica istantanea e la videoconferenza, utilizzerà anche un approccio peer-to-peer per la gestione delle conversazioni.

Lo ha confermato la stessa società di Mountain View in una nota ufficiale spiegando che, ove possibile, il peer-to-peer sarà utilizzato per migliorare la qualità delle chiamate.

Google Hangouts userà anche l'approccio peer-to-peer

Normalmente, infatti, tutto il traffico dati di Hangouts transita attraverso i server di Google ma, d'ora in poi, l'applicazione valuterà di volta in volta l'opportunità di far sì che i terminali degli interlocutori possano scambiarsi direttamente le informazioni.

L'approccio peer-to-peer implicherà l'esposizione reciproca dell'indirizzo IP pubblico dei partecipanti alla conversazione ma consentirà di rimuovere eventuali colli di bottiglia e rendere più fluide le chiamate vocali o video effettuate con Hangouts.

Articolo seguente: Sviluppare app Android: Studio 2.0 vicino alla versione finale
Articolo precedente: Le unità SSD superano gli hard disk in fatto di densità d'area
2351 letture
Ultimi commenti
Nessun lettore ha inviato un commento.
Vuoi essere il primo? Clicca su Inserisci il tuo commento!


Leggi tutti i commenti

Commenta anche su Facebook
Link alla home page de IlSoftware.it

P.IVA: 02472210547 | Copyright © 2001 - 2016

PRIVACY | INFORMATIVA ESTESA COOKIES | Info legali | Pubblicità | Contatti | Storia | Supporta | Credits

Segui i nostri Feed RSS de IlSoftware.it Segui i nostri Feed RSS