Ricerca

martedì 16 settembre


Motori di ricerca: cambiamenti in vista per Microsoft Bing

di Michele Nasi (03/05/2012)


Microsoft sembra determinata a trasformare il motore di ricerca Bing in un sito essenziale, molto più vicino a quello che era il "look" di Google prima dell'avvento dell'"era social". Sally Salas, manager del progetto, ha spiegato che gli sforzi dei tecnici della società di Redmond si sono concentrati, nei mesi scorsi, sullo studio dell'interfaccia di Bing analizzando nel dettaglio in che modo gli utenti fanno uso del servizio. "Basandoci sui commenti ricevuti, abbiamo ridisegnato il motore di ricerca così da rendere il contenuto delle pagine più semplice da analizzare, rimuovendo ogni elemento inutile e tutte le possibili distrazioni", ha spiegato la Salas.

La nuova veste del motore di ricerca Microsoft è per il momento fruibile solo da parte degli utenti statunitensi: collegandosi dall'Italia, infatti, si continuerà a vedere la tradizionale interfaccia. Almeno per ora, poiché Microsoft dovrebbe estendere la modifica a tutti i Paesi del mondo.

Com'è possibile notare esaminando le due soluzioni grafiche, quella precedente e quella nuova, Microsoft ha deciso di rimuovere la barra di navigazione posizionata sulla sinistra della pagina riducendo allo stesso tempo le dimensioni dell'intestazione, la zona dove sono posizionati i link Web, Immagini, Video, Shopping, Notizie e così via.

L'intervento odierno sembra mirato a tracciare una distinzione tra Bing e Google: mentre la società di Larry Page e Sergey Brin ha virato drasticamente verso il "social networking" usando lo stesso motore di ricerca per promuovere l'utilizzo di Google+ e degli altri servizi del suo "macrocosmo", Microsoft sembra voler tornare a proporre un motore di ricerca essenziale, libero da qualsiasi aggiunta di troppo. I portavoce di Microsoft spiegano che la nuova versione di Bing sarà capace di adattarsi alle esigenze ed alle richieste degli utenti: cercando le informazioni su un determinato argomento, Bing cercherà di effettuare una sorta di analisi semantica proponendo, se necessario, immagini correlate, link verso siti di e-commerce, riferimenti a Wikipedia e così via.
Per alcune tipologie di interrogazioni, inoltre, "Bing 2.0" mostrerà una lista di "ricerche correlate" che possono essere sfruttate dall'utente per ottenere approfondimenti od effettuare query ancor più mirate.
Articolo seguente: UE: Niente copyright sul funzionamento di un software
Articolo precedente: Google Docs: 450 nuove fonti, 60 modelli e script per tutti
19994 letture
Ultimi commenti
Nessun lettore ha inviato un commento.
Vuoi essere il primo? Clicca su Inserisci il tuo commento!


Leggi tutti i commenti

Commenta anche su Facebook

Link alla home page de IlSoftware.it

P.IVA: 02472210547 | Copyright © 2001 - 2014

Pubblicità | Contatti | Informazioni legali | Cookies | Storia | Supporta | Credits

Segui i nostri Feed RSS de IlSoftware.it Segui i nostri Feed RSS