Ricerca

martedì 28 giugno


OCZ presenta i nuovi SSD Trion 150 economici

di Michele Nasi (03/02/2016)

OCZ torna a sgomitare nel segmento delle unità SSD economiche. Il produttore californiano ha infatti appena svelato la nuova gamma di SSD Trion 150, le unità che formeranno il catalogo 2016.

Si tratta di supporti di memorizzazione che, nel caso del modello base da 120 GB di capienza, verranno commercializzati a partire da 46 dollari.

Gli SSD Trion 150 di OCZ saranno disponibili anche nei tagli da 240 GB, 480 GB e 960 GB.

OCZ presenta i nuovi SSD Trion 150 economici

Le prestazioni velocistiche dei vari modelli sono più o meno similari: gli SSD OCZ permettono la lettura dei dati in maniera sequenziale a 550 MB/s ed a 530 MB/s in scrittura.
Il produttore dichiara anche un valore di 91.000 IOPS e di 64.000 IOPS nella scrittura di file da 4K. A tal proposito, suggeriamo la lettura dell'articolo Quale SSD comprare: differenze e consigli per l'acquisto.

Il prezzo che OCZ è in grado di proporre dipende in buona parte anche dall'utilizzo delle memorie NAND Toshiba a 15 nm di tipo TLC (vedere Quale SSD comprare: differenze e consigli per l'acquisto).
Sebbene economiche, le TLC durano comunque di meno: il produttore garantisce la scrittura di 30 TB di dati per il modello meno capiente e di 240 TB per quello più costoso.

I consumi sono compresi tra 0,83 W (in idle) e 4,8 W durante l'utilizzo; valori che non rendono gli SSD OCZ interessanti per essere installati in un notebook.

Articolo seguente: Hololens, realtà aumentata al servizio degli eventi sportivi
Articolo precedente: Europa, liberate le frequenze per il 5G sui 700 MHz
2784 letture
Ultimi commenti
Nessun lettore ha inviato un commento.
Vuoi essere il primo? Clicca su Inserisci il tuo commento!


Leggi tutti i commenti

Commenta anche su Facebook
Link alla home page de IlSoftware.it

P.IVA: 02472210547 | Copyright © 2001 - 2016

PRIVACY | INFORMATIVA ESTESA COOKIES | Info legali | Pubblicità | Contatti | Storia | Supporta | Credits

Segui i nostri Feed RSS de IlSoftware.it Segui i nostri Feed RSS