Ricerca

martedì 22 luglio


Visual Basic 2010 e ADO.NET: accesso ai dati / prima puntata

Visual Basic 2010 e ADO.NET: accesso ai dati / prima puntata

di Michele Nasi (23/08/2010)


La creazione ed il mantenimento di basi di dati è divenuta un'operazione fondamentale in qualunque contesto lavorativo: dalle aziende di più grandi dimensioni, passando per enti governativi, organizzazioni senza scopo di lucro, piccole e medie imprese. I database sono utilizzati per le applicazioni più svariate: gestione degli archivi dei clienti, gestione degli ordini, magazzino, bilanci, gestione del personale e così via.

In questo articolo vedremo com'è possibile interagire con una base dati di esempio ricorrendo a Visual Basic 2010 e ad ADO.NET. Si utilizzerà Configurazione guidata origine dati per stabilire una connessione ad un database Access e generare un "dataset" ossia un sottoinsieme di campi e dei dati in essi conservati (record) a partire dalle informazioni memorizzate nelle tabelle della base dati. Ricorrendo al linguaggio SQL si potranno filtrare i dati d'interesse effettuando alcune interrogazioni.

Per la realizzazione del progetto è possibile scaricare ed installare Visual Studio 2010 Express. Il pacchetto è interamente in italiano, è distribuito a titolo gratuito ed è liberamente impiegabile per lo sviluppo di applicazioni non commerciali. Visual Studio 2010 Express comprende Visual Basic 2010 Express, Visual C# 2010 Express, Visual C++ 2010 Express, Visual Web Developer 2010 Express e Visual Studio 2010 Express for Windows Phone.
L'immagine in formato ISO di Visual Studio 2010 Express è prelevabile cliccando qui.

Microsoft Visual Studio 2010 può essere utilizzato anche per creare nuovi database sebbene il prodotto sia stato concepito, in primis, per visualizzare, analizzare e modificare il contenuto di basi di dati già esistenti.

Introdotto nel 2002, ADO.NET resta il modello di riferimento per l'interazione con le varie tipologie di database impiegato in Visual Studio. Nel corso degli anni è passata molta acqua sotto i ponti ed ADO.NET è divenuto un prodotto sempre più completo ed evoluto: oggi può essere utilizzato come strumento unico per l'accesso ai dati, in numerosi scenari (in locale, in configurazioni client-server, su Internet).

La versione di ADO.NET inclusa in Visual Studio 2010 è pienamente compatibile con la versione 2008 dell'ambiente di sviluppo di Microsoft pur introducendo due importanti nuove tecnologie. Entrambe sono destinate ai programmatori più evoluti: l'una si chiama LINQ (Language-Integrated Query), l'altra ADO.NET Entity Framework.
La prima offre la possibilità di mettere a punto delle interrogazioni "object-oriented" usando una sintassi simile a SQL. Grazie a LINQ vengono definiti una serie di operatori che consentono query verso basi di dati che rappresentano i dati sotto forma di oggetti. Il risultato dell'interrogazione consiste in una collezione di oggetti che vengono caricati in memoria e che possono essere enumerati secondo le esigenze.
ADO.NET Entity Framework, invece, introduce un nuovo modello ad oggetti (unitamente con una serie di strumenti e di funzionalità "inedite") capace di rendere le applicazioni maggiormente svincolate rispetto a singoli motori database o modelli logici.

Introduzione all'uso di ADO.NET per l'accesso ai dati

Per attingere ai dati conservati in un database, ADO.NET usa molteplici oggetti. In primo luogo, viene attivata una connessione con la base dati quindi viene creato un dataset (usando il Configurazione guidata origine dati) ossia una rappresentazione di una o più tabelle del database. A questo livello, da Visual Basic 2010, così come dagli altri componenti di sviluppo del pacchetto Visual Studio 2010, non vengono direttamente modificati i dati "reali" presenti nel database ma una "copia" di essi.
Il Configurazione guidata origine dati provvede ad aggiungere uno schema in formato XML al progetto sul quale si sta lavorando associando al dataset un table adapter ed un data navigator: grazie ad essi, il programmatore e l'utente finale potranno recuperare le informazioni dalla base dati, applicarvi modifiche, spostarsi da un record all'altro.
Per "connettere" le informazioni contenute nei dataset ai "controlli" (caselle di testo, griglie, pulsanti,...) presenti in una form di Visual Basic, si ricorre alla finestra Data Sources od all'impostazione della proprietà DataBindings.

In questo servizio vedremo come usare ADO.NET da un'applicazione Visual Basic 2010: una procedura molto simile, che consiste nella generazione di dataset e nel successivo collegamento ad altri elementi in grado di visualizzare i dati, vale nel caso delle applicazioni web ASP.NET o Silverlight e delle applicazioni client WPF (Windows Presentation Foundation).

Connessione ad una base di dati Microsoft Access 2007

Iniziamo col precisare che la presenza di Access non è necessaria. Per accedere ad una base di dati creata in tale formato non è necessario che il DBMS di Microsoft, parte del pacchetto Office 2007, sia installato sul sistema in uso. Alcuni componenti Microsoft, tuttavia, possono essere comunque richiesti, a seconda della configurazione del sistema in uso. Nel caso in cui si dovesse ottenere un messaggio d'errore che manifesta l'impossibilità di collegarsi alla base dati (formato non valido o non supportato), è necessario collegarsi con questa pagina quindi scaricare ed installare le librerie runtime di Access 2007.

Il primo passo consiste nell'avviare Visual Basic 2010, cliccare su Nuovo progetto..., scegliere Applicazione Windows Form e "battezzarla" ad esempio ProvaADONET (casella Nome in basso). Dopo aver cliccato sul pulsante OK, si aprirà l'ambiente di sviluppo di Visual Basic.

Dal menù Dati, bisogna quindi scegliere Aggiungi nuova origine dati...: apparirà immediatamente la finestra principale di Configurazione guidata origine dati. Si tratta di una funzionalità che consente di stabilire una connessione con la base dati e di preparare l'applicazione in corso di sviluppo alla ricezione dei dati. La procedura guidata consente di optare per un database memorizzato localmente, per una base dati remota, per un servizio web o per un oggetto dati "personalizzato".

Articolo seguente: L'importanza di scegliere password lunghe e complesse
Articolo precedente: Pidgin: personalizzare il comportamento del client di messaggistica
77282 letture
Ultimi commenti
inviato da sweess > pubblicato il 01/02/2012 22:01:59
Salve, vorrei sapere come posso modificare il db di access con ado
inviato da DAVIDE1988 > pubblicato il 02/07/2011 14:44:04
ciao scusate la domanda idiota, ma ho un problema nell'aggiunta dell'origine dati il database non risiede nel mio pc ma su un altro collega alla rete. io non riesco a connettermi a questo database. (quando con access ci riesco tranquillamente) non riesco più ad uscirne, vi prego aiutatemi Grazie
inviato da gianmarco_c > pubblicato il 26/08/2010 13:17:26
sono proprio contento , sull'accesso ai dati c'è ,a mio avviso, sempre da imparare e molto da dire , per chi come me preferisce la sintassi c# segnalo che con SharpDevelop è possibile tradurre codice da un linguaggio .net ad un altro istantaneamente , http://freeware--software.blogspot.com/2010/08/convertire-codice-vbnet-in-c-o.html


Leggi tutti i commenti

Commenta anche su Facebook

Link alla home page de IlSoftware.it

P.IVA: 02472210547 | Copyright © 2001 - 2014

Pubblicità | Contatti | Informazioni legali | Cookies | Storia | Supporta | Credits

Segui i nostri Feed RSS de IlSoftware.it Segui i nostri Feed RSS