7772 Letture

ADUC denuncia ancora una volta Italia-Programmi.net

Prosegue la stretta su Italia-Programmi.net, sito Internet che sta continuando ad inviare solleciti di pagamento a migliaia di utenti italiani chiedendo loro il versamento di una quota di iscrizione. Molti utenti, tra i quali il presidente dell'antitrust, hanno dichiarato di non aver mai effettuato alcun tipo di registrazione sul sito della socità e, nonostante ciò, si sono visti recapitare le richieste di pagamento, via e-mail o per posta ordinaria.
L'ADUC ha quindi deciso di presentare un nuovo esposto all'AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) chiedendo l'apertura di due provvedimenti: il primo teso a disporre la sospensione dell'attività espletata da Estesa Limited, la società offshore con sede nella Repubblica delle Seychelles che gestisce il sito Italia-Programmi, il secondo per la nuova condotta commerciale che consiste nell'invio agli utenti italiani di una comunicazione dall'oggetto "Convocazione presso Tribunale Regionale Giudiziario" (Cliccando qui è possibile consultare il testo delle nuova denuncia trasmessa all'antitrust dal presidente dell'ADUC, Vincenzo Donvito).


La nuova minacciosa comunicazione che Italia-Programmi starebbe spedendo "contiene una serie di informazioni false", scrive l'ADUC. Nella lettera si fa riferimento, infatti, all'esistenza di un "Tribunale regionale giudiziario" che non esiste nell'ordinamento italiano e la cui dizione può vagamente assomigliare al tribunale amministrativo regionale. ADUC continua, poi, con l'esaminare gli altri aspetti della comunicazione firmata Estesa Limited: "la possibilità che un avvocato incaricato dalla società possa fissare una udienza presso Giudice tributario", la minaccia di spese a carico dell'utente per "ingiunzioni tributarie", l'indicazione dell'IP col quale l'utente si sarebbe registrato e così via. L'associazione per la tutela dei consumatori osserva come, ovviamente, la magistratura tributaria non abbia alcuna giurisdizione né competenza in materia di controversie fra privati; inoltre viene rimarcato come nessun avvocato possa "disporre" del tribunale fissando un'udienza.

Emmanuela Bertucci, uno dei legali di ADUC, consiglia di non pagare e di ignorare qualunque richiesta dovesse pervenire. Solo nel caso in cui il sollecito dovesse arrivare per raccomandata A/R (caso sinora mai verificatosi), l'associazione suggerisce di rispondere con un'analoga raccomandata A/R di diffida indirizzata alla sede legale della società.
In calce a questa pagina ADUC riporta anche un modulo per inviare un esposto alla Procura della Repubblica della propria città richiedendo l'intervento dell'autorità sul piano penale.


Ed un fascicolo sembra sia stato appena aperto dalla Procura di Roma che ha dato il via ad un'indagine sul comportamento della società delle Seychelles.

Il 29 agosto 2011, l'AGCM aveva intimato alla società Estesa Limited di "sospendere ogni attività diretta a pubblicizzare su Google Adwords o su altri strumenti di pubblicità online, in via diretta o indirettamente tramite siti ponte, la fruizione gratuita di software scaricabili dal sito www.italia-programmi.net". Sul suo sito l'Autorità dispose quanto segue: "La società dovrà chiarire sul suo sito che si tratta di un servizio a pagamento e dovrà sospendere ogni attività di sollecito del pagamento del presunto abbonamento annuale nei confronti di quei consumatori che hanno comunicato di non aver mai voluto sottoscrivere un abbonamento, non essendosi neppure resi conto della natura onerosa del servizio offerto". A poco più di quattro mesi di distanza, il 4 gennaio 2012, l'AGCM comunicò di aver irrogato una sanzione pari 1,5 milioni di euro per pratiche commerciali scorrette nei confronti del sito Italia-Programmi (ved., a tal proposito questo comunicato).

  1. Avatar
    melfitanus
    31/03/2012 00:48:39
    Citazione: Il 17/3 ho ricevuto un'altra e-mail da parte loro con scritto che non avendo ricevuto il pagamento fisseranno un'udienza al tribunale. Il punto è che però sotto c'erano scritte le prove su cui avrebbero basato la loro denuncia, ossia i dati che ingenuamente avevo dato loro come nome, cognome, indirizzo ecc.. Inoltre prima che partissero le e-mail mi era giunta una lettera a casa intestata a me che diceva le solite cose, cioè pagare i 104 euro. Sono preoccupata perchè se fosse stato solo via e-mail come è accaduto a voi forse non dovrei pagare ma in questo modo dovrei. Che devo fare?
    NON devi assolutamente pagare. Dallo stesso indirizzo di posta elettronica già in loro possesso (putroppo) manda una mail in cui affermi di non avere nessuna intenzione di pagare in quanto ti ritieni vittima di un raggiro che non esiterai a denunciare alle autorità competenti. Inoltre diffidali dal continuare ad inviare ingiustificate richieste di pagamento, avvertendoli che, se necessario, adirai le vie legali per tutelare i tuoi interessi. Non dimenticare che questi lestofanti puntano non tanto sulla validità giuridica dell'abbonamento (nascosto) che inconsapevolmente hai sottoscritto sul loro sito, quanto sulla tua paura di essere realmente in obbligo e di dover magari essere costretta, non pagando, a rimettereci ancora di più.
  2. Avatar
    Martina123
    30/03/2012 20:38:43
    Il 17/3 ho ricevuto un'altra e-mail da parte loro con scritto che non avendo ricevuto il pagamento fisseranno un'udienza al tribunale. Il punto è che però sotto c'erano scritte le prove su cui avrebbero basato la loro denuncia, ossia i dati che ingenuamente avevo dato loro come nome, cognome, indirizzo ecc.. Inoltre prima che partissero le e-mail mi era giunta una lettera a casa intestata a me che diceva le solite cose, cioè pagare i 104 euro. Sono preoccupata perchè se fosse stato solo via e-mail come è accaduto a voi forse non dovrei pagare ma in questo modo dovrei. Che devo fare?
  3. Avatar
    sami
    30/03/2012 20:15:08
    :twisted:
  4. Avatar
    Cannochiale
    28/03/2012 09:40:08
    In Italia i truffatori possono dormire sonni tranquilli! C'è una sentenza "immediatamente esecutiva" dell'Autorità Garante della Concorrenza, risultano allertati, Polizia Postale, Carabinieri, Guardia di Finanza ma le lettere di sollecito di pagamento continuano ad arrivare e molta gente, per paura, ignoranza od altro, continua a pagare. Possibile che la Magistratura non possa intimare a chi accetta la spedizione delle lettere ed i versamenti, la sospensione di tali attività ? Perchè alle banche ed alle poste non viene richiesta, per esempio, l'affissione di un avviso al pubblico ? Saluti
  5. Avatar
    carmelo1948
    26/03/2012 12:34:37
    Per favore, fermateli, mi stanno tormentando quotidianamente con una lettera ed e-mail.
  6. Avatar
    melfitanus
    25/03/2012 20:29:39
    Credo sia bene ripetere le raccomandazioni valide per chi ha ricevuto queste intimazioni da Italia-programmi.net se arrivate solo via email e non tramite raccomandata: 1) non pagare; 2) mandare una contestazione per iscritto (via email, non per raccomandata); 3) ignorare gli ulteriori solleciti; 4) denunciare il fatto alla Polizia Postale Ci si può rivolgere ad un avvocato o chiedere l'assistenza legale di una associazione di consumatori (di norma gratuita), ma ciò solo nel caso in cui dovesse arrivarvi una richiesta o un sollecito di pagamento per raccomandata (il che, a quanto ne so, finora non è mai avvenuto). Coloro che hanno pagato, poi, è meglio che sappiano che può risultare estremamente difficile (e oneroso) recuperare la somma, anche tenendo conto della dislocazione all’estero della società coinvolta. Infine, un ovvio consiglio generale: non è difficile, esplorando un po' la rete o chiedendo la collaborazione di un amico più esperto, individuare i siti da cui si possono scaricare con assoluta sicurezza i programmi gratuiti, a cominciare da quelli ufficiali dei produttori di software. Consiglio poi a tutti di utilizzare l'estensione WOT, che esiste per Firefox, Chrome, Internet Explorer Safari e Opera, che, basandosi sul giudizio dei milioni di navigatori che la usano, segnala quei siti che per ragioni diverse devono considerarsi inaffidabili (Italia-programmi.net è infatti contrassegnato da quattro cerchietti rossi, indice di totale inaffidabilità e insicureza del sito). Non è il vangelo, ma è molto utile. Link: http://www.mywot.com/it/download
  7. Avatar
    Lelechat
    25/03/2012 14:13:33
    Salve a tutti , anche a me e' arrivata l'ennesima mail che stanno fissando la data del processo visti i vani tentativi di risolvere la pratica con il pagamento dei 104€ che loro dicono di volere per questo abbonamento,adesso loro dicono dovro' pagare pure le spese legali..... mi sono scocciato speriamo che prima o poi la smettano.
ADUC denuncia ancora una volta Italia-Programmi.net - IlSoftware.it