4669 Letture

AGCOM: la banda larga in mobilità cresce a ritmo serrato

In base agli ultimi dati presentati nel rapporto trimestrale dell'AGCOM e riferiti alla chiusura del 2011, il numero di accessi a banda larga è cresciuto di circa 400.000 linee, portandosi dai 13,06 milioni di fine 2010 a quota 13,43 milioni.
Una crescita che sembra comunque avvantaggiare i fornitori alternativi, visto che l'ex monopolista, Telecom Italia, porta la sua quota dal 54,9 al 53,2%, mentre Vodafone e Wind crescono entrambe portandosi rispettivamente al 16 ed al 12,6% del mercato. Seguono Fastweb (11,9%) e Tiscali, in leggera contrazione dal 4,2 al 3,8%.
Importante, in questo scenario, è anche la constatazione del fatto che prosegue anche la crescita degli accessi con velocità nominale pari o superiore ai 2 Mbit/s, che oggi valgono l'86,5% del totale, contro una media di poco superiore all'80% di fine 2010.

L'analisi del comparto "mobile" registra due fenomeni. Il primo riguarda il numero di linee e la tipologia di sottoscrizione, il secondo il traffico dati.
Nel primo caso, si parla di un totale di 92,3 milioni di SIM, in crescita di 1,7 milioni di unità rispetto a fine 2010. Un aumento che per la quasi totalità dei casi si attribuisce all'utenza in abbonamento: in due anni le SIM in abbonamento sono aumentate di tre milioni di unità. Ciò non toglie, va detto, che comunque l'82,7% delle linee attive siano prepagate.
Importante è anche la crescita dell'utenza affari, che con 11,7 milioni di SIM rappresenta il 12,7% delle smart card complessive e registra un incremento di 800.000 unità rispetto al 2010.

Per quanto riguarda la ripartizione tra operatori, nonostante in generale si registri un sostanziale allineamento tra Telecom e Vodafone, l'una con il 34,9 e l'altra con il 32,5% del mercato, l'utenza affari resta ancora dominio di Telecom, che in questo caso detiene una fetta pari al 58%.


Il secondo aspetto, come accennato, riguarda il traffico dati. Sono oltre 19 milioni le SIM card che hanno effettuato traffico dati, con una crescita del 13,6% rispetto al totale registrato a fine 2010. Contemporaneamente è aumentato anche il numero delle chiavette utilizzate fra gli utenti italiani, che ha toccato quota 6,2 milioni di unità, con un incremento del 12,2%.
Se l'incremento complessivo dei dispositivi connessi alla Rete si attesta dunque tra il 12 e il 13 per cento, decisamente esponenziale è la crescita del traffico dati: in questo caso si parla di un +53%, equivalente a 190.332 terabyte complessivi.


Se il mondo degli operatori mobili virtuali non registra particolari scossoni, con un totale di 4,1 milioni di SIM, altrettanto si può dire per gli accessi diretti da rete fissa: in questo caso il trend è in calo, con una riduzione di 400.000 accessi complessivi nell'arco di un intero anno.

www.01net.it

AGCOM: la banda larga in mobilità cresce a ritmo serrato - IlSoftware.it