5137 Letture

Aggiornata la classifica sui linguaggi di programmazione

TIOBE ha aggiornato il suo "TPC Index", una classifica - stilata su base mensile - che vuole proporsi come un valido indicatore del livello d'interesse che si sviluppa attorno ai vari linguaggi di programmazione.
La società olandese TIOBE prepara la classifica attingendo ai dati ricavati dai tre motori di ricerca Google, MSN e Yahoo!, valutando la disponibilità mondiale di esperti programmatori, corsi a tema e produttori di applicazioni software.
Come si sottolinea dalla stessa società, la classifica di TIOBE non intende assolutamente indicare quale sia il migliore linguaggio di programmazione ma semplicemente con quale linguaggio sono state scritte il numero maggiore di righe di codice.

La classifica di TIOBE, consultabile facendo riferimento a questa pagina, vede sempre saldamente in testa Java (20,5%). Guadagna invece ben due posizioni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Visual Basic (11,7%) seguito da PHP (10,3%).

  1. Avatar
    Michele Nasi
    06/06/2008 12.54.26
    Il dato pubblicato è corretto, così come quello da Lei riportato.
    Il nostro (ved. la data di pubblicazione dell'articolo) si riferiva al mese di Aprile, il Suo al mese di Maggio.
  2. Avatar
    Marco Grazia
    06/06/2008 11.43.20
    Per dovwere di cronava Visual Basic è decretato al 10.7% e non già all'11.7 come avevate scritto voi.
  3. Avatar
    Palmandahauz
    25/04/2008 12.03.28
    Chissa' il fortran in quale posizione sara'? :-)
  4. Avatar
    Michele Nasi
    24/04/2008 18.02.24
    Come riportato nell'articolo, la classifica di TIOBE non vuole decretare il miglior linguaggio di programmazione. Utilizzano diversi parametri per stabilire quale grado di interesse via sia in Rete relativamente ad ogni linguaggio.
  5. Avatar
    hontes
    24/04/2008 17.52.54
    Questo parametro non fa una grinza..e soprattutto è superficiale
    A mio parere:
    Consideriamo un progetto che viene implementato su piu' linguaggi di programmazione...quello che necessita un maggior numero di righe di codice non puo' essere considerato il peggiore, ma è quello che sicuramente ti mette a disposizione meno "costrutti".
    Un buon linguaggio puo' essere definito in base alla disponibilità di:
    1)Costrutti evoluti
    2)Migliore flessibilità e facilità in fase di deployment
    3)Velocità di eseguzione e di rendering dei componenti
    e molto altro ancora

    e meno male che i popoli nordeuropei risultano evoluti sotto il piano informatico...
Aggiornata la classifica sui linguaggi di programmazione - IlSoftware.it