3320 Letture

Apple Pay, la Mela entra nel mercato dei pagamenti digitali

Non ci sono solo i nuovi telefoni e il wearable tra gli annunci di Apple di questo inizio di settembre.
C'è un altro mercato che la casa di Cupertino sembra ben intenzionata a non lasciarsi sfuggire: quello dei pagamenti digitali; mercato finora difficilmente indirizzabile vista l'assenza di moduli NFC sui suoi dispositivi. Ora che la lacuna è stata colmata, è arrivato il momento di partire.
Ecco quindi l'annuncio di Apple Pay, servizio sviluppato per iPhone 6 e iPhone 6 Plus, che dunque sfrutta l’antenna Nfc integrata, un chip dedicato Secure Element e la sicurezza di Touch ID.

Disponibile anche su Apple Watch, una volta che sarà rilasciato, Apple Pay supporta carte di credito e debito dei tre principali circuiti internazionali, dunque American Express, MasterCard e Visa. Non solo.
Negli Stati Uniti, dove il servizio verrà lanciato nel mese di ottobre, Apple ha stretto anche accordi con i principali retailer del Paese: così, Apple Pay sarà utilizzabile non solo nei 258 negozi Apple, ma anche nei punti vendita Bloomingdale’s, Disney Store, Macy’s, McDonald’s, Sephora, Staples, Subway, Walgreens e Whole Foods Market, tanto per citarne alcuni, oltre ai 220.000 esercizi che hanno abilitato sistemi di pagamento contactless.


Il sistema, sostiene Apple, è sicuro e rispettoso della privacy dell’utente: associando il numero di una carta di credito o debito al servizio, nessun dato verrà trasferito ai server Apple o resterà memorizzato sul dispositivo. Al device, invece, verrà assegnato un Device Account Number univoco, che resterà archiviato in modalità sicura nell’area Secure Elements.
Apple si impegna a non raccogliere lo storico degli acquisti dell’utente che, in caso di smarrimento del dispositivo, potrà bloccare il servizio di pagamento attraverso la funzione Find My iPhone.

www.01net.it

Apple Pay, la Mela entra nel mercato dei pagamenti digitali - IlSoftware.it