4658 Letture

Apple SIM arriva in Italia: tariffe ancora sconvenienti

La Apple SIM, la SIM card pensata per facilitare l'utilizzo dei dispositivi mobili della Mela oltre i confini nazionali, dovrebbe presto essere utilizzabile anche in Italia. Presentata lo scorso anno (Apple: SIM card per scegliere liberamente l'operatore) la Apple SIM è pensata per liberare gli utenti dalla necessità di inserire schede SIM differenti nel proprio dispositivo a seconda, ad esempio, del Paese visitato.

Acquistando una Apple SIM ed attivando una delle offerte proposte, a seconda delle proprie esigenze, si potrà navigare in Rete - anche in altri Paesi del mondo - a tariffe prestabilite e senza necessità di sostituire la SIM acquistata entro i confini nazionali.

Apple SIM arriva in Italia: tariffe ancora sconvenienti

L'idea del colosso di Cupertino è quella di annullare di fatto le tariffe di roaming garantendo agli utenti la possibilità di collegarsi ad Internet in tutto il mondo. Mentre però negli Stati Uniti alcuni operatori di telefonia mobile hanno scelto di aderire al progetto Apple SIM, in molte altre nazioni - Italia compresa - le adesioni ancora latitano.


Proprio per questo motivo, Apple sta cercando adesso di forzare le tappe proponendo, anche alla clientela italiana, la possibilità di attivare offerte per la connettività a banda larga su rete mobile, fruibili anche in altre nazioni.
Per adesso un accordo con GigSky permetterà di navigare da iPad Air 2 ed iPad Mini 3 utilizzando la Apple SIM, praticamente in ogni angolo del globo.

Va detto che il listino, consultabile sul sito di GigSky, è per il momento estremamente oneroso. A fronte di 10 euro di canone di abbonamento vengono ad esempio offerti appena 40 MB di traffico dati da utilizzare entro 3 giorni negli Stati Uniti così come in alcune nazioni europee.
Per 25 euro vengono messi a disposizione 200 MB (da utilizzare entro una settimana dall'attivazione dell'offerta); con 35 euro si hanno 400 MB per due settimane; con 50 euro 1 GB per un mese.


L'iniziativa di Apple va evidentemente considerata come un punto di partenza, una manovra utile per richiamare l'interesse degli operatori telefonici e portare nel più breve tempo possibile ad un deciso taglio delle tariffe.

Apple SIM arriva in Italia: tariffe ancora sconvenienti - IlSoftware.it