4037 Letture

Apple, la forza di un marchio da 185 miliardi di dollari

Con un valore stimato sui 185 miliardi di dollari, Apple si conferma al primo posto nella classifica dei marchi a maggior valore Brandz Top100 che annualmente redige Millward Brown Optimor.

Il podio è completato da Google, che, grazie a una crescita del 5% rispetto al 2012, si classifica seconda con un valore di brand di 114 miliardi di dollari, terza è IBM con un valore di 112 miliardi di dollari.

Millward Brown Optimor sottolinea come la competizione sul versante degli smartphone abbia permesso al brand Samsung, principale competitor di Apple, di crescere del 51%, classificandosi così alla posizione numero 30 nel ranking globale con un valore di brand di 21 miliardi di dollari. Non va comunque sottovalutato il fatto che la società coreana ha speso 1,6 miliardi di dollari in pubblicità lo scorso anno.


"Nonostante un mercato più competitivo, la capacità di Apple di mantenere la prima posizione è la dimostrazione di come il valore di un brand forte influisca sul business. La gente ama il brand a prescindere dal valore del suo titolo in borsa", ha dichiarato Nick Cooper, Managing Director of Millward Brown Optimor.

Ricordiamo che lo studio, commissionato da WPP e giunto quest’anno all’ottava edizione, è l’unica classifica che calcola il valore di un brand sia in base alla percezione degli attuali e potenziali acquirenti di un marchio, sia in base a dati finanziari. Tra il 2006 e il 2013, il valore totale dei marchi presenti in BrandZ Top100 è cresciuto del 77%, per un valore complessivo pari a 2.600 miliardi di dollari.

I brand del settore tecnologia e telecomunicazioni continuano a dominare la graduatoria con 29 marchi nella classifica globale, per un valore pari al 43% del totale della Top100, che equivale a oltre 1.000 miliardi di dollari. La crescita del settore rimane stabile. A differenza di Facebook, il cui valore di brand ha subito un calo, il suo equivalente cinese, Tencent, è salito del 52%, il che lo rende uno tra i 10 brand cresciuti di più lo scorso anno con quasi 800 milioni di utenti attivi. Anche Yahoo! si aggiunge alla classifica dopo la nomina del nuovo CEO Melissa Mayer che proviene da Google e che ha incrementato le aspettative e il prezzo delle azioni trainando l'apprezzamento del valore del marchio.


I primi due marchi italiani in BrandZ Top100 sono Gucci e Prada entrambi con un valore di brand in crescita, rispettivamente del 48% e del 63% rispetto allo scorso anno. Gucci, con un valore pari a 12,7 miliardi di dollari, si classifica al numero 68 della classifica generale e alla posizione numero 3 nella classifica del settore lusso, mentre Prada, con un valore di 9,5 miliardi di dollari e la maggiore crescita registrata nel ranking si posiziona al numero 95 nella classifica generale e al numero 4 nel ranking di settore.

La classifica Brandz Top100 è consultabile scaricando questo documento.

www.01net.it

Apple, la forza di un marchio da 185 miliardi di dollari - IlSoftware.it