6712 Letture

Applicazioni Windows su Linux: in arrivo Wine 1.2

Wine 1.2 vedrà la luce nel corso del prossimo mese di giugno. Lo ha svelato il capo del progetto, Alexandre Julliard, che ha spiegato come il supporto per i sistemi a 64 bit sia ormai pressoché completato. La versione "stabile" più aggiornata è al momento la 1.0.1 (ved. il sito ufficiale per il download) mentre quella in fase di sviluppo, distribuita pubblicamente è la 1.1.44.

Sebbene nel suo logo campeggi un bicchiere di vino, Wine è l'acronimo di "Wine is not an emulator", un'espressione con la quale i responsabili del progetto hanno sempre voluto rimarcare come il software non sia un "emulatore" bensì si tratti di una piattaforma che intende "replicare" le API di Windows e fornire alle applicazioni nate per il sistema operativo Microsoft la possibilità di essere eseguite anche su Linux.


Grazie a Wine, i software per Windows possono essere avviati anche in Linux potendo contare sulla struttura che contraddistingue, da sempre, i sistemi Microsoft: ecco comparire le cartelle "Programmi", "Documenti", i file INI, il registro di sistema e così via. La prima versione definitiva di Wine (la 1.0) arrivò a metà 2008 dopo ben 15 anni di sviluppo e beta testing.

Google stessa sta partecipando al finanziamento di "CodeWeavers", società che si occupa della crescita di Crossover Linux, l'"incarnazione" commerciale di Wine. L'obiettivo dichiarato è quello di migliorare il supporto del prodotto per software quali Adobe Photoshop in ambiente Linux.

L'elenco completo delle applicazioni Windows che Wine è oggi in grado di installare ed avviare senza difficoltà (programmi recanti l'indicazione "Platinum") sui sistemi del pinguino, è consultabile sul sito ufficiale del progetto, facendo riferimento a questa pagina.

Applicazioni Windows su Linux: in arrivo Wine 1.2 - IlSoftware.it