8354 Letture

Avast trasforma la pirateria in un'occasione di marketing

Avast, il famoso sviluppatore di soluzioni antivirus ed antimalware, ha messo in campo un'iniziativa fuori dai classici schemi. Nelle scorse settimane, i tecnici della società hanno scoperto che una licenza multipla venduta ad un cliente aziendale dello stato dell'Arizona (USA) era stata immessa nei canali peer-to-peer ed utilizzata, oggi, da quasi 775.000 utenti. La licenza originale prevedeva la possibile di installare il prodotto di Avast solamente su 14 computer ma il file di licenza è stato scaricato tramite i circuiti P2P ed utilizzato da centinaia di migliaia di persone, senza averne titolo. La società ceca, piuttosto che invalidare i codici di licenza, ha preferito mettersi alla finestra ed osservare l'evoluzione dello scenario.
"Lo stesso codice di licenza (di Avast Pro, n.d.r.)", hanno spiegato i portavoce di Avast, "è stato utilizzato in più di 200 nazioni ed è stato impiegato anche su due sistemi della Città del Vaticano. (...) Interessante verificare quanto rapidamente si è diffuso il codice, tuttavia "la festa" sarebbe comunque dovuta terminare, un giorno o l'altro". Avast ha pensato di trasformare l'accaduto in un'opportunità di marketing: a tutti gli utenti delle versioni pirata della versione "Pro" del suo software antivirus, la società ha così deciso di esporre una finestra popup ricordando all'utente l'illiceità della licenza e proponendo i link per il download della versione gratuita del programma o l'acquisto della versione più completa.
Lyle Frink, uno dei portavoce di Avast, ha aggiunto che alcuni utenti si sono già convertiti mentre all'azienda dell'Arizona sono già stati sostituiti i codici di licenza dell'applicazione ricordando loro di mantenerli al sicuro.

  1. Avatar
    Lepo
    08/12/2010 00:34:47
    Citazione: Non è esattamente così, ti posso garantire che anche molti altri sw multilicenza, anche di Microsoft, continuano a funzionare tranquillamente anche dopo aver superato il numero di licenze concesso, e pure di molto................
    E' il solito discorso: il seriale di un sistema operativo windows non puoi riutilizzarlo facilmente, quindi gli strumenti per bloccare il surplus di attivazioni dei programmi esistono. Il titolo dell'articolo parla chiaro: Avast trasforma la pirateria in un'occasione di marketing, ma che non mi vengano a raccontare che il fenomeno non fosse premeditato. EDIT: non è per fare polemica, ma solo per riportare la mia esperienza: gli ultimi log di HijackThis che ho letto riguardavano l'uso di AVG e Avira.
  2. Avatar
    Shab
    07/12/2010 17:15:37
    Ciao fabrizio.r;secondo me (non ce l'ho affatto con Avast) Avast arriva a malappena alla sufficienza,e forse lo sto pure sopravvalutando. D'altra parte ce ne accorgiamo dai log di Hijack,che girano nei rispettivi forum di assistenza :cry: .. :wink: Edit: Ah,è sott'inteso il discorso il miglior antivirus di un pc si trova fra lo schermo e il case, e ha in mano il mouse e la tastiera :asd:
  3. Avatar
    fabrizio.r
    07/12/2010 15:17:16
    Citazione: C'è qualcosa che non quadra. Se la licenza era valida per 14 pc, già al 15° computer la licenza non avrebbe dovuto funzionare. omissis.
    Non è esattamente così, ti posso garantire che anche molti altri sw multilicenza, anche di Microsoft, continuano a funzionare tranquillamente anche dopo aver superato il numero di licenze concesso, e pure di molto.................
    Citazione: (anche se :se me la regalassero ,nemmeno me la piglierei :pacman: )
    Avast è un onesto sw antivirus GRATUITO che si comporta sufficientemente bene per la quantità di € per cui è stato pagato, è chiaro, almeno per me, che il miglior antivirus di un pc si trova fra lo schermo e il case, e ha in mano il mouse e la tastiera :D
  4. Avatar
    Shab
    07/12/2010 14:19:23
    Mi associo a Lepo (anche se :se me la regalerebbero ,nemmeno me la piglierei :pacman: )
  5. Avatar
    Lepo
    07/12/2010 12:24:32
    C'è qualcosa che non quadra. Se la licenza era valida per 14 pc, già al 15° computer la licenza non avrebbe dovuto funzionare. Credo che la Avast più che stare a guardare l'evoluzione dello scenario abbia deciso a priori di partecipare attivamente all'evolversi del fenomeno di pirateria allo scopo di arrivare ad un maggior numero di utenti non "casalinghi".
Avast trasforma la pirateria in un'occasione di marketing - IlSoftware.it