6723 Letture

Banda larga: WiMax 2 sarà "definito" a novembre

Sarà battaglia tra WiMAX e LTE. Entrambe sono tecnologie che permettono di fruire della connettività a banda larga in modalità wireless: in Italia la copertura WiMAX è in corso d'opera sebbene sembri procedere piuttosto a rilento rispetto a quanto inizialmente ipotizzato. A rompere "le uova nel paniere" degli operatori attivi nella fornitura di connessi WiMAX, è recentemente arrivata la tecnologia LTE. Conosciuta anche come "Super 3G", LTE (acronimo di Long Term Evolution) si propone come evoluzione degli standard di telefonia mobile già noti ed utilizzati collocandosi in una posizione intermedia tra gli attuali standard 3G e quelli di quarta generazione (4G). In base all'attuale pianificazione, LTE sarà integrato nella rete di telefonia mobile a partire dal 2011.
I recenti abbandoni della tecnologia WiMAX da parte di aziende quali Cisco (ved. questo articolo) e Nokia sembravano "cassandre" di un futuro poco roseo per lo standard IEEE 802.16.


WiMAX Forum, il consorzio che si occupa dello sviluppo dello standard 802.16, ha però da poco approvato alcune migliorie preannunciando l'arrivo del cosiddetto WiMAX 2.0 (802.16m) già nel corso del prossimo anno. Il nuovo standard si prefigge come obiettivo quello di compiere un ulteriore "salto di qualità" proponendosi come valida alternativa a LTE. Dietro a WiMAX 2.0 ci sono nomi come Intel, Samsung e Motorola. Proprio Intel ha confermato l'avvio della cooperazione con Samsung e Motorola fondando il nuovo gruppo "WiMAX 2 Collaboration Initiative" che mira ad accelerare lo sviluppo degli standard e dei dispositivi compatibili con il WiMAX 2.0.
Intel ricorda come le attuali reti WiMAX garantiscano "transfer rate" in download tipicamente compresi tra 4 e 6 Mbit/s (tali valori dipendono comunque dalla topografia del territorio e dalla distanza dalla "base station"). Lo standard 802.16m dovrebbe garantire velocità ben superiori pur restando "retrocompatibile" con le versioni precedenti di WiMAX e migliori performance per quanto riguarda i valori di latenza.

Frattanto, dovrebbero arrivare a breve alcune ottimizzazioni dell'attuale versione dello standard che permetteranno di aumentare la velocità di trasmissione dei dati e la capacità di ogni cella del 50%. Ciò dovrebbe essere reso possibile grazie all'impiego della tecnologia MIMO su ogni antenna WiMAX.


Declan Byrne, direttore marketing del WiMax Forum ha appena fatto presente che 802.16m ("WiMax 2") sarà definito da parte di IEEE ("Institute of Electrical and Electronics Engineers") nel corso del prossimo mese di novembre. Durante il 2011 saranno poi assegnate le certificazioni a tutti i vari dispositivi hardware compatibili con il nuovo standard. Byrne si aspetta quindi che, almeno Oltreoceano, i provider Internet operanti sul segmento wireless inizieranno ad abbracciare il nuovo standard nel 2012. Gli operatori che già forniscono connettività WiMax (802.16e) potranno aggiornarsi al nuovo standard affrontando costi piuttosto contenuti.

I vari produttori hardware stanno lavorando per lanciare sul mercato dispositivi compatibili WiMAX. Tra tutti, ricordiamo ad esempio HTC che a marzo ha presentato lo smartphone EVO 4G con supporto WiMAX mentre Intel ha investito molto sulla tecnologia offrendo chipset per i notebook.

Tra le organizzazioni che sono entrate a far parte del gruppo "WiMAX 2 Collaboration Initiative" ci sono anche Alvarion e Beecem. Proprio Beecem si sta dedicando allo sviluppo di chip in grado di supportare tutti gli standard 4G.

In Italia, nell'agone della connettività WiMax ci sono numerose aziende: lo scenario presente e futuro della connettività wireless a banda larga è stato disegnato dalle varie realtà nel corso di un'intervista pubblicata nelle pagine de IlSoftware.it alcuni mesi fa (ved., a tal proposito, questo nostro articolo).

Lo sviluppo di tecnologie quali LTE e WiMax è cruciale: Cisco ha infatti recentemente dichiarato che il traffico Internet globale raddoppierà di anno in anno almeno sino al 2013 quando, ogni mese, saranno trasferiti complessivamente circa 2,2 milioni di terabytes di dati. La veicolazione di contenuti multimediali farà la parte del leone: Cisco ritiene che il trasferimento dei video rappresenterà nel 2013 poco meno del 65% del traffico dati in ambito "mobile".

Banda larga: WiMax 2 sarà