4245 Letture

Basterebbe l'Ecdl per migliorare la produttività della PA

Se si facesse della formazione di base, quella a basso costo, all'interno della Pubblica Amministrazione, la produttività sul lavoro potrebbe aumentare generando vantaggi complessivi stimati in circa 835 milioni per l'intero settore anziché un costo per il Paese pari a circa 280 milioni di euro l'anno.

Non si tratta di opinioni espresse dal ministro Brunetta ma delle principali evidenze che emergono dalla nota illustrativa del convegno correlato allo studio di Aica (Associazione Italiana per l'Informatica e il Calcolo Automatico) e Sda-Bocconi - "L'ignoranza informatica: il costo nella Pubblica Amministrazione Centrale" - tenutosi a Roma presso la Ragioneria Generale dello Stato.

L'incontro ha evidenziato, da un lato, come la nostra Pac sia meno arretrata di quanto si creda rispetto a quelle degli altri paesi europei (anzi, viene data come tra le più avanzate in alcuni settori e si fa l'esempio dei servizi di e-government alle imprese), ma, dall'altro, come patisce la insufficiente preparazione dei dipendenti all'uso degli strumenti informatici e di Internet.


Lo studio, condotto da un gruppo di ricerca guidato da Pier Franco Camussone della Sda Bocconi e da Fulvia Sala di Aica, ha evidenziato come nella Pac i dipendenti informatizzati o informatizzabili siano circa il 60% dell'organico, ossia 550mila e come gli effetti dell'impreparazione informatica generi, in termini di produttività, costi pari a 1.439 euro per addetto ogni anno, che sono traducibili per l'intera Pac in quasi 280 milioni di euro.

I ricercatori hanno anche misurato con un test gli effetti della formazione sulla produttività. Gli impiegati sottoposti al test prima e dopo la formazione (niente di trascendentale: un corso Ecdl, la Patente Europea del Computer) hanno fatto registrare non solo un incremento delle conoscenze del pc del 29%, ma anche una riduzione media del 5% del tempo necessario per svolgere le rispettive mansioni.


Nel complesso i ricercatori hanno stimato in 1.374 euro l'anno per addetto il valore dell'aumento di produttività conseguente a un intervento di formazione informatica di base.

Il dato, proiettato sull'intera popolazione degli impiegati della Pac informatizzabili, compone un incremento di produttività stimabile in oltre 755 milioni di euro l'anno e che, aggiunto all'abbattimento di una percentuale prudenziale dei costi vivi dell'impreparazione, porta il totale del vantaggio conseguibile a 835 milioni di euro.

La stima indicativa del Roi su base triennale per interventi formativi come quelli della Ecdl sarebbe del 1.500%, risultando dal rapporto tra benefici in termini di produttività nei tre anni (stimati in circa 4.500 euro pro capite) e i costi della formazione per conseguire la patente Ecdl (200-300 euro pro capite).

Lo studio, peraltro, ha rilevato anche come il settore pubblico italiano sia oggi sensibile alla formazione qualificata e certificata, più di quello privato.
Una recente indagine condotta da Aica su un campione dei 1.100 diplomati Eucip nel settore pubblico, ha rilevato che è stato assunto il modello Eucip proprio come elemento d'orientamento per un continuo aggiornamento delle competenze e che concorre a motivare la crescita professionale.

  1. Avatar
    maxprodan
    29/01/2009 21:57:01
    Nel mio lavoro ho contatti sia con il settore privato che con il settore pubblico e devo ammettere che in questi ultimi 10/15 anni la pubblica amministrazione ha fatto passi da gigante in campo informatico, purtroppo nel settore privato molti piccoli imprenditori ed i loro dipendenti spesso non possiedono sufficienti conoscenze e competenze informatiche per poter usufruire adeguatamente dei servizi on-line offerti dagli enti pubblici e dalle grandi imprese private.
  2. Avatar
    gianlu-wallace
    24/01/2009 10:15:52
    Che ci siano da fare corsi di formazione non ci sono dubbi, ma naturalmente l'aica è interessata a far prendere delle certificazioni gestite da loro come ad esempio l'eucip che stanno cercando di introdurre nelle università.
  3. Avatar
    lufo88
    21/01/2009 16:50:25
    Scherziamo vero? ECDL? Cosa succede se usano Open Office anziché Microsoft Office? Bisogna far capire come si usa il computer, motivarli ad usarlo. Conosco uno del comune che fa il alvoro degli altri perché con un misero foglio excel ha automatizzato il SUO! Roba che prima chiedeva ore ora gli richiede minuti.
  4. Avatar
    gianni2
    20/01/2009 16:52:06
    Qui il prob. nn è l'ECDL.... Ho insegnato per una PA proprio il primo modulo ECDL e posso dire che nn è servito a niente. Gente che si addormentava, gente andava in bagno e tornava dopo un paio d'ore..... Su una classe di 28 discenti avrò trovato si e no 5 o 5 persone interessate all'argomento.
  5. Avatar
    giampeo
    20/01/2009 16:27:32
    Sono d'accordo in quanto molti dipendenti, specie nei piccoli enti, non hanno alcun supporto e quindi devono arrangiarsi in qualche modo e non sempre riescono a stare al passo con i tempi, specialmente se la maggior parte del lavoro è svolto su programmi prestabiliti.
  6. Avatar
    moticanus
    20/01/2009 14:52:52
    beh che un esponente dell'AICA mi venga a dire che serve l'ECDL mi pare cosa scontata e poco disinteressata!
Basterebbe l'Ecdl per migliorare la produttività della PA - IlSoftware.it