48506 Letture

Bloccare siti con Squid: ecco come impedire l'accesso ai siti Internet in modo sicuro e centralizzato

Ubuntu Server richiederà poi di indicare il nome dell'account con i diritti di amministratore da utilizzare al posto del canonico root. Noi abbiamo specificato michele:

Analogo nome abbiamo inserito nella finestra successiva (Scegliere il nome utente per il nuovo account (...)):

Dopo aver selezionato, ancora, Continua, si dovrà digitare una password da abbinare all'account appena creato.

Alla richiesta Cifrare la propria directory personale, è possibile scegliere autonomamente ma per i nostri scopi va bene rispondere No.


Ubuntu Server passerà alla verifica del fuso orario quindi si passerà al partizionamento del disco fisso (suggeriamo di selezionare l'opzione Guidato – usa l'intero disco). In questo modo, previa conferma, Linux utilizzerà l'intero quantitativo di spazio a disposizione sul disco fisso della macchina server (alla domanda Scrivere le modifiche sui dischi, bisognerà rispondere ).

Non appena apparirà la schermata Informazioni del proxy HTTP è possibile premere Invio per comunicare all'installer che non si desidera usare alcun proxy server per il collegamento ad Internet.

Per quanto riguarda gli aggiornamenti di sicurezza è possibile scegliere di gestirli in maniera autonoma da Ubuntu Server (opzione Nessun aggiornamento automatico) oppure si può richiederne l'installazione automatica (Installare automaticamente gli aggiornamenti di sicurezza).

La schermata seguente consentirà di scegliere quali componenti si desidera vengano automaticamente installati in Ubuntu Server. Per la configurazione di Squid non è necessario alcun software tra quelli indicati. Nel nostro caso, quindi, abbiamo preferito non selezionare alcuna voce e continuare l'installazione della distribuzione Linux (pressione del tasto TAB, Invio).

Quando verrà mostrato il messaggio "Installare il boot loader GRUB nel master boot record" si dovrà rispondere affermativamente.

Ad installazione conclusa, la macchina Ubuntu Server sarà riavviata (basterà premere Invio sulla voce Continua).

A boot effettuato, Ubuntu Server presenterà il prompt ubuntuserver login:. Qui si dovranno digitare le credenziali d'accesso specificate durante l'installazione:

Alla comparsa del prompt dei comandi si dovranno digitare, in sequenza, le istruzioni qui riportate:

wget http://prdownloads.sourceforge.net/webadmin/webmin-1.620.tar.gz
tar -xvf webmin-1.620.tar.gz
cd webmin-1.620
sudo sh setup.sh


In questo modo s'installerà Webmin, un software che permette di gestire le varie impostazioni di configurazione della macchina Linux attraverso una comoda interfaccia web.
Al posto di 1.620 dev'essere digitato il numero di versione rilevabile dal sito ufficiale di Webmin.

Durante l'installazione di Webmin, che proseguirà in modalità testuale, si potranno accettare tutte le impostazioni di default premendo più volte il tasto Invio.

Web server port 10000 sta a significa che l'interfaccia web di Webmin verrà automaticamente posta in ascolto sulla porta TCP 10000: per accedervi basterà http://indirizzo_ip_ubuntuserver:10000 nella barra degli indirizzi del browser.

In corrispondenza di Login name si potrà premere Invio per accettare admin come nome utente per l'accesso all'interfaccia web di Webmin.
In risposta alla domanda Start Webmin at boot time, bisognerà digitare y seguito dalla pressione del tasto Invio.

Sempre dal prompt di dovrà quindi digitare il comando seguente (digitando poi la password associata all'account amministrativo):
sudo nano /etc/network/interfaces


Il file "interfaces" che si aprirà a video, dovrà essere modificato in modo tale da contenere solo quanto segue:

auto lo
iface lo inet loopback

auto eth0
iface eth0 inet static
address 192.168.1.100
netmask 255.255.255.0
network 192.168.1.0
gateway 192.168.1.1

Per salvare la modifica appena applicata, come indica la legenda in calce alla schermata, è necessario premere la combinazione di tasti CTRL+O, il tasto Invio quindi CTRL+X per uscire dall'editor di testo e tornare alla riga di comando.
Così facendo, si è provveduto ad assegnare, definitivamente, l'IP 192.168.1.100 (IP statico) all'interfaccia di rete.


A questo punto è bene riavviare la macchina Linux digitando sudo reboot quindi rieffettuando il login da riga di comando.

  1. Avatar
    baddy
    26/04/2014 16.49.12
    Problema! dopo l'installazione, in webmin non compare sotto il menu server la voce squid proxy server....
    Come fare?
  2. Avatar
    nullo
    07/06/2013 11.13.20
    Nessuno sà aiutarmi ? :(
  3. Avatar
    nullo
    05/06/2013 11.41.40
    Ho un problema..... non riesco a navigare dal client..... dando ipconfig infatti non mi "prende" come Gateway predefinito il proxy (10.0.2.100).....
Bloccare siti con Squid: ecco come impedire l'accesso ai siti Internet in modo sicuro e centralizzato - IlSoftware.it - pag. 2