22829 Letture

Copyright: oscurato dall'Italia il social network russo VK

È come se uno Stato avesse richiesto di bloccare a tutti i suoi cittadini l'accesso a Facebook. In effetti è quanto è successo proprio ieri, a casa nostra, in Italia.
Il Tribunale di Roma ha infatti disposto l'oscuramento di VKontakte, social network popolarissimo in Russia che vanta una "dote" di oltre 160 milioni di utenti di registrati. Il sito sarebbe stato utilizzato per ospitare illegalmente il film italiano "Sole a catinelle", interpretato da Checco Zalone.
Ecco quindi che Medusa Film, società del gruppo Mediaset che ha prodotto la pellicola, è scesa sul piede di guerra presentando una denuncia alla Procura della Repubblica. I giudici capitolini hanno dato ragione all'azienda disponendo l'oscuramento dell'intero social network russo. Al momento sembra che il blocco avvenga esclusivamente a livello DNS (è stato ordinato a tutti i provider Internet italiani di alterare i record DNS memorizzati sui propri server assegnando a VKontakte l'IP di loopback 127.0.0.1) e non sia invece censurato tutto il traffico a livello IP.


Per ora non è dato sapere se Medusa abbia provato a richiedere a VKontakte la rimozione del contenuto illegittimamente pubblicato. L'avvocato Guido Scorza, uno dei più autorevoli esperti di diritto informatico e di tematiche connesse alla libertà di espressione ed alle politiche di innovazione, ha però commentato sul suo blog: "la scelta di bloccare l’accesso a un intero social network frequentato da oltre 160 milioni di utenti per impedire la circolazione di un contenuto pirata appare una decisione sproporzionata, abnorme e, conseguentemente, illegittima. Non si può mettere un cerotto sulla bocca di milioni di persone, impedendo loro di comunicare elettronicamente, per difendere, il pure sacrosanto, diritto d’autore di qualcuno".

Torna quindi ancora una volta il tema spinoso della tutela del copyright, da soppesarsi con l'altrettanto importante tema della libertà d'espressione. I diritti di chi produce e distribuisce un'opera vanno sicuramente tutelati ma, allo stesso tempo, sarebbe auspicabile evitare di assumere decisioni che hanno spiccate caratteristiche censorie.
Pare infatti quanto meno sproporzionato impedire l'accesso ad un intero social network o ad un intero servizio per l'hosting di file semplicemente perché alcuni utenti hanno pubblicato qualche contenuto lesivo dei diritti di terzi.


"O la piattaforma in questione svolgeva un’attività illecita e, allora, avrebbe dovuto essere chiusa all'esito di un giudizio volto ad accertare tale illegittimità o la piattaforma svolgeva un’attività lecita e, allora, per nessuna ragione al mondo dovrebbe ammettersi che essa formi oggetto di un provvedimento di blocco", osserva ancora Scorza.
La procedura per modificare i DNS in uso (i server che vengono impiegati per risolvere i nomi a dominio e, quindi, trasformare un indirizzo mnemonico come www.google.com in un IP) rimpiazzandoli con DNS stranieri (ad esempio quelli di Google) è ormai nota a molti.
Viene quindi da chiedersi il perché di una decisione come quella assunta nel caso di VKontakte che, tra l'altro, non pone neppure gli utenti sullo stesso piano. È infatti cosa estremamente comune servirsi di DNS alternativi rispetto a quelli forniti dal proprio provider Internet.

Per approfondire l'argomento, è sufficiente leggere gli articoli seguenti:
1) Sito non raggiungibile dall'Italia: come procedere?
2) Cambiare DNS, indirizzo IP e le altre impostazioni della scheda di rete a seconda del luogo in cui ci si trova
3) DNS sicuri con Angel DNS: protezione contro malware e siti sconvenienti
4) Server DNS: come scegliere i più performanti e proteggersi dai malware

- Si invitano gli utenti che decidono di intervenire pubblicando un proprio commento in calce all'articolo, ad attenersi alle regole ed ai principi della netiquette oltre che alla policy di questo sito. Grazie per la collaborazione.

  1. Avatar
    Igor 20000000000000
    06/12/2013 10:11:40
    Ma che c'entro io? che ho il mio profilo su VK. Beh hanno messo il film di Zalone in rete. Ma dico sono stato io ?? No ... Perchè bloccarmi l'accesso al mio profilo allora ? Allora guardare film piratati è un reato ma bloccare accesso alle pagine PRIVATE è normale ? :altappeto:
  2. Avatar
    aloe75
    05/12/2013 16:10:58
    :disapprovato: Sperò tanto che Putin non lascerà passare liscia una situazione del genere :aiuto:
  3. Avatar
    Darklightsmartigan
    25/11/2013 23:53:25
    Basta modificarli con quelli di google e tutto si risolve. La cosa che non si risolve con poco è che questo paese è andato a p.....e!!!
  4. Avatar
    bangcube
    24/11/2013 13:01:54
    Comunque mi risulta che Infostrada non sta bloccando niente (provato personalmente, lasciando i DNS automatici come al solito); probabilmente non lo fa nemmeno Wind.
  5. Avatar
    bangcube
    23/11/2013 16:09:10
    Per Ned92. Anche Tiscali Mobile come Vodafone resetta i DNS e forza i suoi, così non si riesce ad aggirare il blocco modificando i DNS. Puoi provare con un proxy estero (cerca su google "proxy server list free" e poi scegline uno dai vari elenchi che trovi); a me però questo dà problemi quando vk.com vuole aprire un'altra finestra (che infatti non si apre); devo ancora capire come risolvere questo problema. Prima però collegati a unblocksit.es/unblock/vk.com e poi clicca su UNBLOCK, oppure collegati direttamente vk.com.prx2.unblocksit.es Con Tiscali Mobile arrivo al log-in e mi collego; non ho ancora avuto modo e tempo di verificare che tutte le funzionalità di vk.com funzionino a modo, ma a prima vista sembrerebbe di sì. Qualora ancora tu non riesca, trovi al primo dei due indirizzi suddetti una serie di istruzioni per tentare di risolvere per altre strade: ma sono più complicate e richiedono una certa expertise del sistema operativo che usi. Auguri di buona fortuna e facci sapere!!!
  6. Avatar
    Ned92
    23/11/2013 15:36:57
    Purtroppo con Vodafone non è possibile modificare i DNS... vergogna
  7. Avatar
    Irina
    23/11/2013 10:38:08
    Non mi permetto di mettere in dubbio la competenza del tribunale di Roma, ma c'è una differenza tra un sito pirata e un social network che ha circa 160 mln di utenti in Russia e nel Mondo. Ma saranno solo gli interessi economici di medusa (gruppo mediaset) che hanno accelerato il lento meccanismo della giustizia italiana?
  8. Avatar
    bangcube
    22/11/2013 16:31:57
    Anche se è immediato aggirare il blocco utilizzando Google DNS o OpenDNS, oppure accedendo attraverso un proxy server estero, rimane gravissima la questione di principio. Lo Stato Italiano ha palesemente violato i diritti fondamentali dei suoi cittadini e dei milioni di stranieri che utilizzano vk.com come social network per tenersi in contatto tra loro; tra l'altro l'inviolabilità e la sicurezza (intesa anche come disponibilità ed affidabilità) delle comunicazioni è un diritto fondamentale riconosciuto anche dalla nostra costituzione e dalle nostre leggi. Non esiste che se uno commette un reato vengano colpiti in modo indiscriminato tutti gli altri utenti del mezzo: come se bloccassero tutte le autostrade solo perché hanno trovato un'auto con eroina a bordo! Siccome però questo nostro Paese sta palesemente andando a rotoli e noi cittadini siamo vittime dell'arbitrio di chiunque senza che ci spossa fare niente, mi sembra che ci sia poco da sperare restando in sede locale, soprattutto quando ci si accontenti di blaterare senza mai fare nulla di concreto. La soluzione che propongo, rapida ed efficace, sarebbe che tramite qualche cittadino russo e/o i titolari di vk.com ci si rivolgesse alla magistratura russa per ottenere in ritorsione il blocco immediato ed a tempo indeterminato di tutto il traffico internet che transita sui nodi in territorio russo ed ha per mittente o destinazione un IP italiano (dropping): verrebbero bloccate non solo al 100% tutte le comunicazioni Internet tra Italia e Russia, ma anche in modo più o meno significativo (ma imprevedibile) quelle tra l'Italia ed altri Paesi (es., Kazakhstan, Cina, Giappone, ecc.). Ne verrebbero fuori un pieno ed un danno economico (per l'Italia in particolare) di proporzioni cosmiche, e forse passerebbe una volta per tutte ai nostri soloni la voglia di fare i primi della classe nell'invenzione delle stupidaggini più cretine.
  9. Avatar
    Dina
    21/11/2013 23:45:57
    Ma siete sicuri che il motivo di tutto ciò è solo un film??? Non è che c'entra il "mitico" Edward Snowden che è stato assunto da VK?! Comunque, per un motivo o per un altro siamo stati privati della possibilità di avere i contatti con la famiglia, i parenti e gli amici. SCHIFO, DISGUSTO E VERGOGNA!!! Dobbiamo fermare questo oltraggio, pertanto INVITO TUTTI GLI INTERESSATI A FARE UN APPELLO AL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DELLA FEDERAZIONE RUSSA, BIELORUSSIA, UCRAINA ECC... per fare tornare a noi il NOSTRO SITO!!!
  10. Avatar
    scillawhite
    21/11/2013 14:29:58
    ma chi lo conosce Checco Zalone al est europa ?? ridicolo.....
Copyright: oscurato dall'Italia il social network russo VK - IlSoftware.it