8852 Letture

Disk imaging: DriveImage XML diventa più veloce

DriveImage XML, software gratuito per la creazione di copie di backup del contenuto di singole partizioni e di interi dischi fissi, compie un ulteriore passo avanti.
Con il rilascio della versione 1.30, infatti, gli sviluppatori del software hanno spiegato di essersi concentrati, in particolar modo, nel migliorare le prestazioni velocistiche in fase di generazione del file d'immagine.

Scegliendo la compressione "fast", la procedura di backup avviene molto più rapidamente rispetto al passato tanto che sono gli stessi autori del programma a consigliare l'impiego di questa modalità se si ha a disposizione un'unità sufficientemente capiente. Lo stesso quantitativo di dati (circa 5,3 GB), ad esempio, che con le versioni precedenti di DriveImage XML portavano alla generazione di un file d'immagine in 12 minuti e 30 secondi; ricorrendo alla modalità "fast" sono risultati necessari appena 3 minuti e 15 secondi. Con le medesime impostazioni, utilizzando un disco rimuovibile esterno USB 2.0, la procedura di backup mediante DriveImage XML ha impiegato appena 4 minuti.


Per tutti i dettagli collegati al funzionamento di DriveImage XML, suggeriamo di fare riferimento a questo nostro articolo. Nello stesso servizio, illustriamo la procedura che consente di realizzare un CD ROM di avvio contenente DriveImage XML e basato su Bart's PE.
A tal proposito, gli sviluppatori del software precisano che la versione 1.30 non è in grado di gestire i file d'immagine eventualmente creati con precedenti release del programma così come le versioni precedenti di DriveImage XML possono essere impiegate per aprire i file prodotti con la release 1.30.
Chi utilizza un CD di avvio Bart's PE è quindi invitato a rigenerarlo includendo la versione 1.30 del programma: i più esperti, con un semplice intervento sul file di configurazione di Bart's PE Builder, possono comunque integrare nel CD di boot sia l'ultima versione dell'utility sia una release precedente.

DriveImage XML 1.30 è prelevabile facendo riferimento a questa pagina.

Disk imaging: DriveImage XML diventa più veloce - IlSoftware.it