2778 Letture

Ecco a voi KDE 4.0: un deciso taglio con il passato

Dopo più di 30 mesi di lavoro, KDE 4 è stato finalmente rilasciato. La nuova versione del popolare "desktop environment" per Linux si propone come una revisione, delle precedenti versioni, che abbraccia molteplici campi: design, applicazioni, strumenti di sistema e performance.
Ciò che si nota subito all'avvio di KDE 4 è l'influenza, dal punto di vista grafico, di altre interfacce desktop. Alcune caratteristiche appaiono proprie di KDE mentre altre sembrano derivate da GNOME, MacOS X, Windows Vista e Symphony OS. Il giudizio finale dell'utente può comunque variare in funzione della disponibilità a tollerare una nuova logica ed una "inedita" organizzazione grafica.
Ad oggi i pacchetti d'installazione di KDE 4 sono per il momento disponibili per Kubuntu e per Debian Experimental. Non sono invece apparsi negli archivi ("repositories") delle principali distribuzioni Linux.
Dietro lo quinte, KDE 4 integra numerose migliorie per quanto riguarda l'interazione con l'hardware ed i dispositivi multimediali. Una pesante riscrittura delle librerie di base contribuisce, secondo molti pareri, a rendere l'ambiente desktop più performante rispetto al passato, anche in configurazioni "Live CD".
Introdotti un gran numero di effetti grafici, trasparenze, icone tridimensionali (il tema di default è Oxygen).
KDE 4 permette l'uso dei cosiddetti "widget", piccole applicazioni che possono essere posizionate ad una estremità dello schermo e che consentono di tenere d'occhio diverse attività.
La nuova versione del "desktop environment" nato nel 1996 introduce novità anche per quanto riguarda il riconoscimento e la corretta gestione dei vari formati di file: Okular è un visualizzatore di documenti che supporta molteplici formati, compresi PDF ed OpenDocument.
Il "Control center" di KDE è poi ora cosa del passato, rimpiazzato dalla finestra "System and Settings": da qui l'utente può agire sulla configurazione del sistema servendosi di una serie di impostazioni mostrate utilizzando una struttura ad albero.
KDE 4 è un "desktop environment" nato per stupire e che riesce bene nell'intento.
Alcune imperfezioni in fase di design sono destinate però a creare qualche grattacapo agli utenti ormai abituati all'utilizzo della versione precedente.
Sul nostro forum si sta discutendo di KDE 4: gli interessati possono fare riferimento a questa pagina.

  1. Avatar
    Lettore anonimo
    15/01/2008 22.46.41
    Ma scherzi?
    A me KDE 4 occupa tipo 10MB di ram più di gnome!
    è più reattivo che mai, pensare che gnome per me era una soluzione di ripiego proprio per l'esosità delle richieste di ram di kde 3.5, ma ora che il 4 è così leggero penso che lascerò gnome (non appena kde 4 avrà tutte le applicazioni aggiornate)
  2. Avatar
    dampyr85
    15/01/2008 20.37.29
    Può anche essere che molta memoria sia usata per codice e chiamate di debugging.Almeno spero. :wink: ...occorre aspettare versioni successive per capire realmente quanto "consumerà" kde 4.0 ,anche perchè da quanto letto in giro, questa versione dovrebbe essere meno esosa delle versioni precedenti.
  3. Avatar
    Mico
    15/01/2008 10.15.28
    KD4 occupa troppa RAM. KWIN carica 300MB su XServer. :cry:
Ecco a voi KDE 4.0: un deciso taglio con il passato - IlSoftware.it