17234 Letture

Ecco la versione RTM di Windows 7: le modalità di upgrade

Windows 7 si è da poco offerto, nella sua veste definitiva, agli utenti di Technet e MSDN. Gli abbonati ai due servizi Microsoft sono infatti in grado, da ieri sera, di prelevare il file ISO del DVD d'installazione di Windows 7 RTM.
La RTM (acronimo di Release to Manufacturing) è la versione finale del prodotto, sostanzialmente identica a quella che sarà commercializzata nei negozi a partire dal prossimo 22 Ottobre. Tale release viene distribuita con anticipo rispetto al lancio ufficiale così da dare il tempo alle società partner ed ai vendor di personal computer di organizzarsi per tempo.
Windows 7 RTM potrà differire rispetto alla versione che i più troveranno sugli scaffali per la mancanza di alcuni aggiornamenti rilasciati in date successive o per qualche driver di periferica non ancora supportato in modo diretto.

Lo "sbarco" di Windows 7 RTM su Technet e MSDN ha confermato quindi i piani di Microsoft che vedono la distribuzione del sistema operativo in tutte le lingue - compreso l'italiano -, attraverso tutti i canali gestiti dalla società di Redmond, già a partire dal prossimo 1° Ottobre. Per il momento, infatti, la RTM di Windows 7 è a disposizione solamente in lingua inglese.


Nel frattempo, chiunque voglia scaricare la versione RC - non definitiva - di Windows 7, avrà tempo per farlo sino al prossimo 20 Agosto.

Nelle scorse ore alcuni siti d'Oltreoceano avevano riferito della scoperta di un presunto grave bug che avrebbe potuto far slittare la data di rilascio di "Seven". Lanciando lo storico tool CHKDSK con il parametro /r si verificherebbero "memory leak" ossia un consumo esagerato ed indesiderato della memoria che porterebbe in taluni casi alla comparsa di una schermata blu (BSOD). Microsoft ha voluto precisare come il problema sia ben lungi da poter compromettere il lancio di Windows 7: nei laboratori del colosso fondato da Bill Gates la problematica non sarebbe stata riprodotta. Anzi, vengono chiamati in causa i driver di alcune schede madri che non sarebbero ancora pienamente compatibili con Windows 7.


Aggiornamento ed installazione da zero

Windows 7 può essere installato su sistemi che oggi utilizzano Windows XP o Windows Vista seguendo due approcci. Il primo è il cosiddetto "in-place upgrade" ossia l'aggiornamento diretto a Windows 7 della precedente versione di Windows. Il secondo è la cosiddetta "custom install" ovvero un'installazione di sana pianta dell'intero sistema operativo: in questo caso Windows 7 può creare una copia di backup della precedente versione di Windows ma sarà necessario reinstallare tutte le applicazioni e ripristinare tutti i dati personali. La precedente versione di Windows viene conservata in una cartella denominata "windows.old". In alternativa, com'è ovvio, è possibile sovrascrivere il contenuto dell'intero disco fisso.

Riassumiamo, in forma compatta, le tipologie di aggiornamento possibili da Windows XP e Windows Vista.

- Da Windows Vista Home Basic e da Windows Vista Home Premium:
verso Windows 7 Home Premium: aggiornamento diretto
verso Windows 7 Professional: aggiornamento diretto e "Windows Anytime Upgrade"
verso Windows 7 Ultimate: aggiornamento diretto

- Da Windows Vista Business:
verso Windows 7 Home Premium: installazione "custom" o reinstallazione da zero
verso Windows 7 Professional: aggiornamento diretto
verso Windows 7 Ultimate: aggiornamento diretto

- Da Windows Vista Ultimate:
verso Windows 7 Home Premium: installazione "custom" o reinstallazione da zero
verso Windows 7 Home Professional: installazione "custom" o reinstallazione da zero
verso Windows 7 Ultimate: aggiornamento diretto

- Da Windows XP verso qualunque versione di Windows 7: installazione "custom" o reinstallazione da zero

- Da qualunque versione a 32 bit di Windows ad una qualsiasi versione a 64 bit di Windows 7 (o viceversa): installazione "custom" o reinstallazione da zero


Si chiama "Windows Anytime Upgrade" lo speciale programma Microsoft che consente, previo pagamento di un importo variabile, di aggiornare la propria licenza in modo da essere autorizzati all'installazione ed all'utilizzo di una versione più completa di Windows 7.

  1. Avatar
    iskander
    18/08/2009 22:13:21
    ... e magari ci stupiamo che un sistema Windows abbia dei bug... però questa volta non voglio essere prevenuto e upgradero Vista (mi sono comprato un portatile proprio oggi) a Seven per metterlo alla frusta. Soprattutto perché non voglio vedere Vista su un mio computer... Comunque già la Release Candidate non è male...
Ecco la versione RTM di Windows 7: le modalità di upgrade - IlSoftware.it