7501 Letture

Esercizi commerciali obbligati a fornire Wi-Fi gratuito

Dopo anni di "stretta" sul Wi-Fi libero (si pensi alle limitazioni che il Decreto Pisanu imponeva fino a poco tempo fa), adesso la tendenza sembra essere quella di procedere in una direzione diametralmente opposta. E da Roma arriva la notizia di una proposta di legge che vorrebbe addirittura imporre l'obbligo di dotarsi di una connessione Wi-Fi, da condividere con clienti e altri utenti, a tutti i negozianti e gli esercizi commerciali.

"Entro sei mesi dall'entrata in vigore della presente legge, al fine di facilitare l'accesso alla rete internet, tutti gli esercizi commerciali, le associazioni culturali aperte al pubblico, i taxi, gli esercenti attività di noleggio con conducente, i bus privati, i treni e gli aerei registrati in Italia hanno l'obbligo di dotarsi di collegamento alla rete internet e renderla disponibile tramite tecnologia wireless basata sulle specifiche dello standard IEEE 802.11 (wifi), consentendo l'accesso a tutti a titolo gratuito e senza necessità di utilizzare credenziali di accesso e password".


Non solo. Chi non metterà a disposizione del pubblico un collegamento Wi-Fi incorrerà addirittura una sanzione molto salata. Chiamati ad effettuare le verifiche sono i Comuni che potranno punire i soggetti inadempienti applicando una multa fino a euro 5.000.
Esclusi da qualunque genere di sanzione saranno i titolari di attività per il trasporto di persone mentre il provvedimento, per come è stato formulato nell'attuale versione, non trova applicazione nel caso degli esercizi commerciali con una superficie sotto i 100 metri quadrati e un numero di dipendenti inferiore a due.

Autori della proposta di legge "Disposizioni per la diffusione dell'accesso alla rete internet mediante connessione senza fili" (A.C. 2528 - XVII Legislatura) sono Sergio Boccadutri, Enza Bruno Bossio, Ernesto Carbone, Alberto Losacco e Gennaro Migliore che hanno poi potuto già contare sull'appoggio di ulteriori 106 parlamentari.


La normativa, così come formulata, non cozza contro le attuali disposizioni in materia di Wi-Fi pubblico. Come spiegato negli articoli Aumentare la copertura della rete WiFi e Creare un hotspot WiFi con DD-WRT o Zerotruth, se l'impresa o l'esercizio commerciale che mette a disposizione l'accesso wireless ai suoi clienti non ha come attività principale la fornitura di servizi di telecomunicazione, secondo quanto disposto dall'art. 10 del D.L. 69/2013 (cosiddetto "Decreto Fare") convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98, l'offerta di accesso alla rete Internet al pubblico tramite tecnologia WiFi non richiede alcuna autorizzazione e non prevede l'identificazione dell'utilizzatore.
A proposito di quest'ultimo punto, ci si chiede - in caso di eventuali contestazioni - come sia possibile dimostrare che un reato (nella remota situazione in cui ciò accadesse) sia stato commesso da parte di un utente terzo usando la Wi-Fi messa a disposizione della clientela (per trattare brillantemente questo aspetto abbiamo a suo tempo presentato ZeroTruth: Creare un hotspot WiFi con DD-WRT o Zerotruth).

Tornando alla proposta dei cinque parlamentari, sebbene possa sicuramente aiutare a diffondere rapidamente la disponibilità di connessioni Wi-Fi, essa non può non essere esente da critiche. Appare infatti assolutamente fuori luogo imporre per legge l'installazione di una Wi-Fi pubblica da parte di tutti gli esercenti che dovrebbero comunque farsi carico, almeno per ora, di tutti i costi.

Lo Stato potrebbe mettere sul piatto circa 3 milioni di euro nel triennio (2017-2019) per sostenere la diffusione di apparecchiature Wi-Fi ed ulteriori 2 milioni di euro per stimolare l'installazione di sistemi di collegamento ad Internet sui mezzi pubblici. Le modalità per la destinazione dei fondi, tuttavia, sono ancora tutte da verificare.

  1. Avatar
    MarkOne
    30/10/2014 09:03:16
    Certo che la fantasia..... E se un terrorista usa il TUO wi-fi per spedire un video di minaccia? O se un pirla qualunque usa il TUO wi-fi per diffamare qualcuno? E poi perche' solo gli esercizi commerciali, anche tutte le famiglie, e se per caso l'adsl non arriva..... paghi la multa e stop. Dementi !!!!
  2. Avatar
    Jake
    28/10/2014 22:19:10
    Per me è solo l'ennesima proposta di legge demenziale che rimarrà lettera morta.
  3. Avatar
    Sampei Nihira
    28/10/2014 16:03:15
    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: E basta con queste barzellette (che oltretutto fanno piangere non ridere) ormai sono una al giorno. La gente non ne può veramente più. Nemmeno l'originale legislatore, se resuscita, potrebbe stare dietro a questa manica di incapaci Mi immagino il "caos di onde elettromagnetiche" generato nelle varie città. Povero paese gestito da dis-onorevoli ignoranti e stupidi che invece di preoccuparsi dei problemi veri del paese pensano solo alle cazz***
  4. Avatar
    WLAGUZZI
    28/10/2014 11:32:06
    Perfetto, aumentiamo ancora un pò l'elettrosmog (che fa tanto bene) e, già che ci siamo, eliminiamo le poche possibilità di risalire a chi usa la rete per scopi illeciti. In un paese che crolla, potersi collegare a internet anche quando si va in un negozio è essenziale. :disapprovato:
Esercizi commerciali obbligati a fornire Wi-Fi gratuito - IlSoftware.it