4835 Letture

Furto di dati: dopo Sony, stavolta tocca a Sega

Nomi, date di nascita, password.
Questo il bottino dell'ultimo riuscito attacco di hacker a un popolare sito di giochi.

Dopo PlayStation Network, il sito di Sony oggetto di numerosi attacchi tra la fine di aprile e le prime settimane di maggio, questa volta a finire nel mirino è stata la rete Sega Pass di Sega.
Sospeso il servizio, si è passati alla prima valutazione del danno. In questo caso si parla di furto dei dati personali per quasi 1 milione e 300.000 utenti. Diversamente da quanto accaduto con Sony, tuttavia, in questo caso la violazione non ha toccato i numeri di carta di credito dal momento che, come spiega la società giapponese in una comunicazione inviata ai suoi utenti, "utilizziamo provider esterni per i sistemi di pagamento".
Nella stessa comunicazione, la società raccomanda di cambiare le credenziali di accesso immediatamente, soprattutto se quelle utilizzate per il servizio Sega Pass sono le stesse che l'utente ha scelto per accedere ad altri servizi.


Quanto alla possibile provenienza dell'attacco, il gruppo LulzSec - resosi protagonista delle aggressioni nei confronti di Sony e Nintendo - declina ogni responsabilità ed anzi sembra mostrare una certa simpatia per Sega. Via Twitter ha infatti inviato un messaggio alla società, invitandola a un contatto: il gruppo si dichiarerebbe disposto a dare una mano nella caccia ai responsabili.

www.01net.it

Furto di dati: dopo Sony, stavolta tocca a Sega - IlSoftware.it