5258 Letture

Gartner: Windows 7 sul 42% dei sistemi già a fine anno

Entro la fine del 2011, il 42% dei pc in uso in tutto il mondo, pari a circa 635 milioni di macchine, sarà equipaggiato con Windows 7. Lo sostiene la società di analisi Gartner che, in base all'accresciuta e costante disponibilità registrata nei budget It, si dice certa dell'accelerazione nell'adozione dell'ultima versione della famiglia di ambienti e sistemi operativi di casa Microsoft da parte delle realtà enterprise attive negli Stati Uniti e in Asia Pacifico, dove una massiccia migrazione a Seven è iniziata già a ottobre 2010.

Stando così le cose, Windows 7 si appresterebbe a diventare il sistema operativo di punta nel mercato mondiale dei personal computer confermando, di fatto, le precedenti stime a cura degli analisti a stelle e strisce secondo le quali, il 94% dei nuovi pc venduti nel 2011 avrebbe Seven in dotazione. Con questo, nel prossimo futuro, la scelta di numerose organizzazioni potrebbe volgere verso architetture client alternative che, nei prossimi cinque anni, muoveranno verso virtualizzazione e cloud computing.


Ma nello scenario appena palesato a crescere sono stati anche gli iMac che, con Mac Os, rispetto al +3,8% di vendite registrate nel 2008, negli ultimi dodici mesi hanno riportato un incremento del 4% che, stando alle previsioni, nel 2011, dovrebbe crescere di un altro mezzo punto percentuale per arrivare a conquistare il 5,2% nel segmento dei pc venduti entro il 2015. Il tutto spinto da un mercato maturo di consumatori avvezzi a muoversi nell'ecosistema di iPhone, iPad, iPod touch messo a punto dal colosso di Cupertino.

Lo stesso che spopola in Nord America e in Europa Occidentale, dove l'incertezza economica sembrerebbe giocare più a sfavore del sistema operativo di casa Microsoft. Ma tant'è. Nel quadro tracciato da Gartner, con una share sotto il 2% rimasta costante nell'ultimo lustro, Linux OS si conferma un sistema operativo di nicchia a causa degli alti costi di migrazione delle applicazioni, mentre il successo della piattaforma del Pinguino sui mini notebook avrebbe avuto vita talmente breve da ritagliarsi, sempre nelle previsioni Gartner, una quota inferiore all'1% nei pc destinati al mercato consumer.


Similmente, le attese della società di analisi rispetto a Chrome OS, ad Android OS o WebOS, non prevedono particolari impennate nel mercato dei pc dei prossimi anni. Il sistema operativo che avrà successo sarà senz'altro quello che riuscirà a ritagliarsi una posizione di dominio nei client device emergenti, tablet in primis. Anche allora, però, pare improbabile che la posizione di dominanza rivestita da Microsoft con Windows possa essere messa in discussione, vista la diffusione del sistema operativo nelle organizzazioni di tutto il mondo.

Di tutt'altro tenore sono, invece, le previsioni che riguardano il mercato consumer. Qui, dove le applicazioni OS-agnostic superano già di gran lunga le applicazioni Windows specifiche, potrebbero trovare terreno fertile sistemi operativi emergenti come i già citati Chrome OS e Android che, nei prossimi tre-cinque anni, potrebbero anche ribaltare la posizione di forza dell'azienda di Redmond in questo specifico segmento di mercato.

www.01net.it

  1. Avatar
    Zen
    12/08/2011 14:04:20
    Già con Vista, in ambiente client-server, ci sono state varie modifiche, modifiche che con 7 sono state confermate e migliorate (tanto x citarne un paio, policy nuove, gestione nuova dei profili). Fare un salto di 3 generazioni potrebbe comunque essere più oneroso rispetto a prendere ora windows 7. Tra l'altro come dice MaxZ, ci vorrà del tempo prima che 8 si diffonda, ora 7 invece è stato testato e sono noti pro e contro del sistema.
  2. Avatar
    MaxZ
    12/08/2011 12:33:38
    Windows 7 è stato rilasciato il 22 ottobre 2009, in due anni secondo questa analisi raggiungerà il 42%... è chiaro che Windows 8 alla sua uscita avra bisogno di altrettanto tempo per diffondersi.
  3. Avatar
    boxgabry
    12/08/2011 08:58:32
    Se nel 2012 arriva Windows 8 non si capisce perche' tutto questo entusiasmo su windows 7. Diciamo che windows 7 e' imposto su PC Nuovi e quindi logicamente l'incremento e' da ricercarsi per questo aspetto in quanto costretti ad accettarlo essendo gia' preinstallato. Chi ha ancora XP o Vista aspetta appunto di cambiare PC e quindi logicamente avra' il nuovo sistema operativo. Quello che da fastidio e' la frequenza troppo ravvicinata di rinnovamento dei OS e quindi questa continua corsa ad avere l'ultimo OS sconcerta e mette nelle condizioni l'utenza di tenersi il piu' possibile quello che ha installato ripeto a meno che non sia costretta a cambiare il pc perche' obsoleto.
Gartner: Windows 7 sul 42% dei sistemi già a fine anno - IlSoftware.it