5112 Letture

Google Currents: una versione "mobile" per i siti web

Google ha lanciato un nuovo progetto per rendere più semplice la fruizione dei contenuti pubblicati sui siti web, siano essi amatoriali oppure commerciali, dai dispositivi mobili quali smartphone e tablet. Utilizzando Google Currents, i produttori di contenuti potranno allestire in poco tempo una versione del loro sito web appositamente pensata per i telefoni Android, i tablet, gli iPhone e gli iPad. L'obiettivo è quello di rendere facilmente consultabile qualunque tipologia di sito Internet rimuovendo il layout dello stesso ed utilizzando, al suo posto, una veste grafica appositamente concepita per gli schermi touch dei dispositivi mobili.

Il webmaster dovrà semplicemente indicare il nome del proprio sito e la sorgente di dati alla quale Google Currents dovrà attingere. L'operazione più semplice consiste nel segnalare al nuovo servizio del colosso di Mountain View uno o più feed RSS il cui contenuto sarà automaticamente sfruttato per generare una versione del proprio sito web comodamente sfogliabile da tablet e smartphone con un semplice tocco dei polpastrelli.


Per comporre l'"edizione mobile" di un sito Internet, è possibile indicare a Google Currents non soltanto feed RSS, ma anche video e canali YouTube, archivi fotografici, flussi di dati provenienti da Google+, sottoscrizioni effettuate con Google Reader e così via.

Una serie di esempi d'utilizzo di Google Currents sono offerti in un video che i tecnici della società fondata da Page e Brin hanno appena pubblicato:



Al momento l'applicazione Google Currents per Android e per Apple iOS è riservata ai soli utenti residenti negli Stati Uniti; maggiori informazioni in merito sono reperibili a questo indirizzo. Anche i produttori di contenuti italiani, però, possono comunque dare uno sguardo alla piattaforma a loro riservata in modo da saggiarne nel dettaglio il funzionamento.


Un'applicazione simile a quella presentata da Google, disponibile solo per iPhone ed iPad, è Flipboard.

Google Currents: una versione