4790 Letture

HP: l'abbandono di Windows XP aiuterà il mercato PC

Secondo HP l'imminente "pensionamento" di Windows XP contribuirà a far ripartire il mercato dei personal computer. Microsoft ha infatti confermato che il supporto di Windows XP cesserà nel corso del mese di aprile 2014: ciò significa che il sistema operativo sarà definitivamente messo nel cassetto. L'azienda di Redmond non rilascerà più aggiornamenti di sicurezza e non fornirà più alcun genere di supporto agli utenti (Windows XP andrà in pensione esattamente fra un anno).

"Riteniamo che si tratti di una grande opportunità per HP", ha dichiarato Enrique Lore, vice presidente senior e general manager della divisione PC di HP, spiegando come l'accantonamento di Windows XP possa stimolare in modo deciso le vendite di macchine basate su Windows 8, soprattutto in ambito aziendale.


Proprio le aziende, sino ad oggi, sono state le più restie a passare a sistemi operativi più aggiornati. Lore calcola che il 40-50% di utenti aziendali ancora faccia uso di macchine Windows XP: tra dieci mesi, quando XP verrà messo da parte, è importante che il mercato sappia offrire una gamma di soluzioni particolarmente appetibili.

L'impressione degli analisti, quindi, è proprio che HP - così come altre aziende attive nel settore dei PC - attendano con maggior interesse proprio la fine del supporto di Windows XP più che il rilascio di Windows 8.1, aggiornamento che sarà distribuito entro la fine della prossima estate.

Secondo IDC, HP rimane la prima azienda nel settore dei PC con il 15,7% del mercato pur avendo fatto segnare una decisa flessione rispetto allo scorso anno. L'unica società a non perdere è Lenovo che resta comunque stabile.

  1. Avatar
    simon77
    14/06/2013 07:20:56
    non è così semplice in ambito aziendale passare da un so ad un altro. occorre tenere presente la compatibilità di software vecchi di 10 15 anni ormai non più supportati ma che sono indispensabile per alcune attività dell' azienda. tuttavia se xp non è più supportato da ms con aggiornamenti si instaurano problemi di sicurezza e di conformità con policy e enti di certificazioni. sicuramente la grande azienda non può mantenere sistemi operativi non aggiornati sui suoi pc. al momento windows 7 è probabilmente la scelta migliore per compatibilità software e supporto per le aziende. non è semplice trovate driver per strumentazioni di laboratorio, magari anche questi di 20 anni fa, o plc per linux.
  2. Avatar
    Roberto1_:
    12/06/2013 19:58:51
    L'abbandono di Windows XP aiuterà HP ad vendere altri PC ? Il tutto è una specie di ricatto forzato da Microsoft ed avvallato da HP ed anche altri produttori di hardware; oramai Windows XP dopo 3 service pack ed una caterba di aggiornamenti è diventato molto stabile. In ambito aziendale non penso ci sarà la sospiirata (da Microsoft) migrazione a Windows 8 che sembra sia stato accolto abbastanza freddamente dal mercato, salvo l'imposizione d'acquisto con i computer nuovi. Nel più fortunato dei casi verranno eseguite migrazioni a Windows 7, ma nella stragrande maggioranza dei casi verrà mantenuto XP ancora per parecchio tempo; in caso di sostituzione computer se proprio non esisteranno driver per XP ci sarà la migrazione. Basta farsi qualche giro in centri commerciali oppure ipermercati del fai da te e sbirciare i computer utilizzati dai lavoratori : sistema operativo Windows XP nel più fortunato dei casi, accompagnato da software che funzionano esclusivamente sotto DOS. Inoltre considerando il periodo di crisi chi va a buttare via soldi per sostituire computer perfettamente funzionanti per qualcosa che forse funzionerà con le stesse applicazioni attualmente in uso?? Ben pochi
  3. Avatar
    Michele Nasi
    12/06/2013 14:57:36
    Quella che ha commentato è una semplice news che riporta alcune considerazioni emerse durante una conferenza stampa HP. È ovvio che vi siano molte alternative a Windows 8 (ne abbiamo ripetutamente parlato in altri articoli); sul mercato Microsoft sta privilegiando al massimo Windows 8; anche nella grande distribuzione non troverà macchine Windows 7; licenze di Windows 7 sono comunque acquistabili, ad esempio online; ci sono le varie distribuzioni Linux e ci sono i sistemi Mac OS X. L'azienda che ha nel suo parco macchine molti sistemi XP, però, difficilmente passerà a Linux o Mac in forza soprattutto delle applicazioni sino ad oggi utilizzate. Il salto della barricata non è immediato come in ambito consumer. Certo, sono disponibili soluzioni anche ottime per la virtualizzazione ma innegabilmente l'amministratore dovrà fare tutta una serie di riflessioni valutando pro e contro e cercando allo stesso tempo di non complicare la gestione dell'infrastruttura aziendale.
  4. Avatar
    GiorgioDSE
    12/06/2013 14:36:56
    Pur avendo ancora Windows XP, da alcuni mesi uso Linux Mint 14 e devo dire che rimpiazzerà definitivamente Windows e Microsoft. L'articolo sembra che al di là di XP ci sia solo l'8 e nient'altro. La stabilità e affidabilità di Linux è invidiabile...pensavo XP fosse il massimo, ma da quando uso Mint 14 ho dovuto ricredermi. Poi ognuno ha la libertà di scegliere ciò che più è compatibile con le proprie esigenze.
HP: l'abbandono di Windows XP aiuterà il mercato PC - IlSoftware.it