4116 Letture

I rapporti tra Google ed Unione Europea si rasserenano

Dopo gli irrigidimenti delle scorse settimane, sembra tornare il sereno tra Google e gli enti regolatori europei.
La società si sarebbe dimostrata disposta a una serie di concessioni che alleggerirebbero la sua posizione e, soprattutto, aprirebbero la strada a una conciliazione che potrebbe evitarle pesanti sanzioni.

Che la mediazione si stia incanalando sui binari giusti è notizia confermata dalla stessa Commissione Europea: si fa riferimento, infatti, ad un buon livello di accordo sulle ultime proposte avanzate da Google che serviranno da base per le prossime discussioni.

Va detto che né la Commissione né Google sono state prodighe di dettagli: non si conosce la natura delle proposte; di certo ci sarebbe solo il fatto che prendono in esame ed offrono soluzioni per tutte le obiezioni avanzate dall'Unione Europea (vedere l'articolo Concorrenza: ultimatum a Google dall'Unione Europea, il successivo Google risponde all'antitrust europea con la sua ricetta e L'Europa chiede a Google di intervenire anche sul "mobile"). Non solo.
Oltre a indirizzare le tematiche legate alla pubblicità, al declassamento dei contenuti dei concorrenti e ai contratti vincolati verso gli altri motori di ricerca, Google potrebbe cominciare a prendere in esame anche la seconda tranche dei rilievi fatti dall'Unione Europea. Questa volta in merito ad Android.

I rapporti tra Google ed Unione Europea si rasserenano - IlSoftware.it