4132 Letture

Il "ballot screen" europeo premia i browser alternativi

C'è molto interesse per i dati di utilizzo dei principali browser in Europa, dopo l'introduzione, all'inizio del mese, del "ballot screen".

Così, le tabelle di società come Statcounter vengono consultate con attenzione, per cercare di cogliere il polso della situazione.

E in effetti i primi segnali già ci sono.
Dall'inizio del mese, nei principali Paesi europei, Italia inclusa, Microsoft Internet Explorer sembra perdere quota, a favore dei suoi diretti concorrenti.
Il calo sarebbe nell'ordine del 2,5% in Francia, dell'1,3% in Italia e dell'1% in Gran Bretagna, mentre tra i beneficiari ci sarebbe in primis Opera, che avrebbe registrato un raddoppio dei dowload, seguita da Mozilla, i cui responsabili parlano di aumento significativo degli utenti.

Maggiori dettagli sull'iniziativa legata al "ballot screen" - ossia alla finestra di scelta del browser preferito da utilizzare in Windows - sono reperibili in queste precedenti notizie. Microsoft aveva recentemente corretto il funzionamento del codice JavaScript che, lato client, è responsabile dell'ordine casuale con il quale è proposto all'utente l'uso del browser firmato Microsoft oppure dei vari prodotti alternativi. Rob Weir, ingegnere software di IBM, aveva stabilito come - nella versione iniziale dell'algoritmo - Chrome venisse spesso mostrato in testa all'elenco mentre Internet Explorer venisse assai frequentemente visualizzato in quinta posizione, all'estrema destra.

www.01net.it

Il