4290 Letture

In Europa, telefonare e navigare sul web costa meno

Confermando le anticipazioni raccolte alcuni mesi fa, da ieri telefonare e navigare sul web fuori dai confini nazionali costa meno rispetto a quanto avveniva in passato. Chi si sposta sul territorio europeo per svago o per lavoro, dal 1° luglio 2012 può godere di profili tariffari base maggiormente convenienti.

Le nuove tariffe stabilite dal Parlamento europeo impongono dei limiti tariffari che ogni operatore telefonico dell'Unione non potrà mai superare:

- 29 centesimi al minuto, IVA esclusa, per effettuare una chiamata
- 8 centesimi al minuto, IVA esclusa, per ricevere una chiamata
- 9 centesimi, IVA esclusa, per inviare un messaggio di testo
- 70 centesimi al Megabyte, IVA esclusa, per scaricare dati o consultare internet all'estero (addebitati per kilobyte utilizzato).

Gli operatori rimarranno liberi di offrire tariffe più basse.

Chi viaggerà al di fuori dell'Unione europea riceverà un avvertimento tramite SMS, e-mail o finestra pop-up quando la spesa si avvicinerà ai 50 euro o al limite preventivato di trasferimento dati. L'utente dovrà quindi confermare che accetta di superare tale limite per poter continuare ad usare il roaming di dati.


Le misure appena adottate sono le prime di una serie di provvedimenti volti a ridurre progressivamente i limiti tariffari. I prossimi interventi porteranno il costo per singolo Megabyte di navigazione dati a 45 centesimi fra un anno e a 20 centesimi il 1° luglio 2014. Parimenti il costo degli SMS scenderà prima a 8 e poi a 6 centesimi.

In Europa, telefonare e navigare sul web costa meno - IlSoftware.it