4462 Letture

In Irlanda un accordo contro il peer-to-peer selvaggio

Uno dei più grandi provider Internet irlandesi, Eircom, ha trovato un accordo con le principali major acconsentendo all'implementazione di un protocollo operativo che mira a "tagliar fuori" gli utenti che fanno uso di sistemi di "file sharing" peer-to-peer per scaricare materiale senza averne titolo. Dopo due ammonizioni, inviate da parte del provider all'utente che - secondo i controlli effettuati - fosse colto a scaricare materiale coperto dal diritto d'autore, Eircom provvederà ad inibire al proprio abbonato la possibilità di effettuare ulteriori connessioni alla rete Internet.

La decisione, destinata a sollevare nuove polemiche, è stata presa in seguito agli sviluppi di un'azione legale intentata da EMI, Warner, Universal e Sony nei confronti di Eircom. Il provider irlandese veniva accusato di favorire in qualche modo l'attività di pirateria tra i propri clienti. All'ISP veniva anche contestato il fatto di pubblicizzare i propri servizi, ad esempio, su "The Pirate Bay" - anch'esso, nel nostro Paese, recentemente nell'occhio del ciclone (ved. queste notizie) -.


Sulla base dell'accordo extragiudiziale, su richiesta degli investigatori delle major, Eircom effettuerà una serie di controlli associando all'indirizzo IP dell'utente un nominativo. Successivamente partiranno le ammonizioni ed eventualmente la sospensione dell'abbonamento Internet.
Diversamente rispetto a Eircom, non tutti i provider sembrano disposti ad assumersi le responsabilità legate alla gestione di situazioni come quelle connesse con l'uso dei servizi peer-to-peer per il download di materiale soggetto a copyright. Registreremo l'evolversi della vicenda.

  1. Avatar
    roscotorba
    12/03/2009 09:29:27
    troveremo un nuovo provider!!! :)
  2. Avatar
    ggshumy
    02/02/2009 11:50:04
    Il P2P ormai è parte integrante della vita di ogni utente internet e molte volte è l'unico motivo che spinge l' utente ad abbonarsi. Se il provider toglie il P2P perde il cliente, che va da chi offre il P2P, è semplice. Dipende da quanti clienti Eircom sarà disposta a perdere prima di andare anch'essa in perdita.
  3. Avatar
    mannu
    31/01/2009 16:48:38
    Una volta sospeso l'abbonamento, i provider come faranno a guadagnare? Ormai è ora che la smettano con queste idiozie. Il p2p esistee qualsiasi tecnica vogliano inventare rimarrà sempre.
In Irlanda un accordo contro il peer-to-peer selvaggio - IlSoftware.it