4277 Letture

L'iPhone Mini potrebbe arrivare già quest'anno

La notizia sta tenendo banco da qualche settimana, ed è divenuta di grande attualità tra le fine dell'anno e questi primi giorrni del 2013 (Apple: in arrivo un iPhone Mini per sfidare Samsung?).
Confermato il dato che la concorrenza di Android si sta facendo sempre più serrata, Apple deve mettere a punto una strategia di allargamento del raggio di fuoco. Si tratta di una strategia che, inevitabilmente, finirà per passare attraverso il rilascio di modelli di fascia più bassa, con un modello di prezzo abbordabile per un numero crescente di potenziali utenti.

Stando alle ultime conferme, pubblicate stamane da Wall Street Journal, siamo oltre il ballon d'essai e Apple all'iPhone "low cost" ci sta lavorando davvero, con l'idea di lanciarlo addirittura quest'anno, probabilmente dopo l'estate.


Il punto, però, è come faranno a Cupertino a rendere meno costoso il melafonino. Una delle idee che sembra riscuotere maggiori consensi in questo momento è che si possa trattare di un iPhone standard, realizzato tuttavia con materiali meno costosi. Questo significherebbe, ad esempio, l'adozione di una scocca in policarbonato, invece dell'alluminio utilizzato nell'iPhone 5. Altri componenti potrebbero invece essere recuperati dalle precedenti produzioni.

Per Apple non è una scelta facile. Già con il lancio dell'iPad Mini, pochi mesi fa, la società sembrava aver preso una direzione nettamente diversa rispetto alle linee strategiche dettate a suo tempo da Steve Jobs, che trovava inconcepibili tablet con display inferiori di 10 pollici.
Ora, con un iPhone "low cost", la società rischia di venire meno a un altro dei suoi punti fermi: offrire prodotti di fascia alta, in grado di garantire importanti marginalità. Oggi gli iPhone rappresentano per Cupertino il principale volano delle vendite aziendali, arrivando a coprire, prodotti di corredo e servizi inclusi, il 48% dell'intero fatturato di Apple.
Su un iPhone meno costoso la società sarebbe al lavoro da almeno tre anni, senza mai decollare davvero, anche per i timori dei possibili impatti negativi di una produzione differenziata.


Ora, però, sono le condizioni di mercato che impongono un ripensamento. Secondo i dati diffusi da IDC, le vendite di iPhone nel terzo trimestre dello scorso anno hanno rappresentato il 14,6 per cento del mercato mondiale complessivo, in calo rispetto al 23% di fine 2011. Samsung, da parte sua, ha fatto l'exploit, raggiungendo una share del 31,3% dopo essere partita da un decisamente più modesto 8,8% nel terzo trimestre del 2010.

www.01net.it

  1. Avatar
    enzoozen
    10/01/2013 23:07:25
    Anche questo..sara' un successo.!!!!!!!!!!!!!!!!!
L'iPhone Mini potrebbe arrivare già quest'anno - IlSoftware.it