33461 Letture

La Posta Certificata del Governo va in pensione

La posta elettronica certificata del Governo Italiano "ha i mesi contati". È infatti stata da poco pubblicata la notizia che il servizio PostaCertificat@ verrà a breve sospeso, molto probabilmente in maniera definitiva.

Dopo appena quattro anni e otto mesi dal debutto, il criticato servizio di posta elettronica certificata va quindi in pensione: come si legge in questa pagina, infatti, da domani 18 dicembre non sarà più possibile, per il cittadino, attivare nuovi account.
Dal 18 marzo al 17 luglio 2015, inoltre, le caselle di posta saranno mantenute attive solamente in modalità di ricezione e sarà consentito agli utenti l'accesso alle stesse solo ai fini della consultazione e del salvataggio dei messaggi ricevuti. A partire dal giorno seguente, le stesse caselle di posta non saranno più abilitate alla ricezione dei messaggi e dal 18 settembre 2015 tutte le caselle di PostaCertificat@ non saranno più utilizzabili.


PostaCertificat@ è una CEC-PAC. I cittadini dovranno migrare verso i servizi PEC tradizionali

Le caselle PEC fornite dal Governo Italiano nell'ambito del servizio PostaCertificat@ sono CEC-PAC, acronimo di Comunicazione Elettronica Certificata fra Pubblica Amministrazione e Cittadino.

La CEC-PAC del Governo (dominio postacertificata.gov.it) permette (anzi, ormai, "permetteva") di "colloquiare" esclusivamente con la pubblica amministrazione ma non, ad esempio, con le caselle PEC di altri cittadini (privati in generale), imprese o professionisti (ne avevamo parlato nell'articolo La PEC è per tutti: luci ed ombre sulla partenza).


D'altra parte, anche chi provasse ad inviare un messaggio di posta elettronica certificata verso un indirizzo PEC postacertificata.gov.it riceverà, dopo qualche istante, un errore (anomalia messaggio).

Controllare e scaricare posta elettronica certificata: i suggerimenti

Il cittadino, quindi, ha potuto usare l'account CEC-PAC (e potrà farlo sino al 16 marzo del prossimo anno) solo per dialogare con le pubbliche amministrazioni catalogate nell'apposito indice.

Nell'articolo Controllare e scaricare posta elettronica certificata: i suggerimenti abbiamo messo il luce le differenze tra gli account CEC-PAC e le normali caselle PEC.

I cittadini che attualmente utilizzano un account PostaCertificat@ saranno quindi costretti a migrare verso fornitori di normali indirizzi PEC (non CEC-PAC). "Dal 18 marzo 2015, tutti gli utenti CEC-PAC potranno richiedere una casella PEC, gratuita per un anno, inviando un'e-mail all'indirizzo richiestapec@agid.gov.it", si legge nella nota appena pubblicata.

Chisura del servizio PostaCertificat@: nuove polemiche?

A questo punto, non è difficile ipotizzare che possa nuovamente montare la polemica. PostaCertificat@ è un servizio sul quale lo Stato italiano investì molto nel recente passato. Per i cittadini italiani, infatti, la CEC-PAC era sì gratuita ma lo Stato s'impegnò a versare a Telecom Italia e Poste Italiane, società che si sono aggiudicate l'appalto per la fornitura del servizio, una somma pari a 50 milioni di euro.

  1. Avatar
    monati50
    10/11/2015 21:02:31
    Era troppo intelligente per continuare ad esistere. Con il costo di gestione richiesto, a confronto con quello che rubano i nostri politici e partiti, mantenere in essere un'applicazione efficiente era un costo miserabile. Saludos do Brasil
  2. Avatar
    Pigutun
    08/04/2015 17:57:43
    Un modo classico Italiano, :evil: per far sparire 50 milioni di euro.
  3. Avatar
    flaviacannone
    01/03/2015 18:49:37
    Salve Sig.Nasi vorrei ringraziare per la disponibilità a rispondermi.
  4. Avatar
    Michele Nasi
    27/02/2015 12:33:37
    Non è che sia "in arrivo un nuovo standard". Semplicemente chi utilizza una CEC PAC governativa viene invitato a migrare ad una casella PEC "tradizionale" (fornita dalle società accreditate dall'Agenzia per l'Italia Digitale, ex DigitPA, ex CNIPA: http://www.agid.gov.it/agenda-digitale/ ... co-gestori) oppure, appunto, a richiederne una gratuita per un anno direttamente all'AGID (richiestapec@agid.gov.it). Fino al 17 marzo prossimo potrai continuare ad usare la casella CEC PAC Postacerificat@ per inviare comunicazioni all'ente pubblico cui stai facendo riferimento. Vedi anche: http://www.ilsoftware.it/articoli.asp?t ... enti_11389
  5. Avatar
    flavia cannone
    27/02/2015 12:24:51
    Salve,ribadisco il mio dubbio dato che l'ho espresso chiaramente ma non è stato compreso.Innanzitutto si è capito che CEC PAC chiude però è in arrivo un solo standard per posta certificata,cioè dal 18 marzo 2015 tutti gli utenti CEC PAC potranno richiedere una casella PEC gratuita per 1 anno tramite indirizzo: richiestapec@agid.gov.it questo è l'indirizzo cui mi riferivo. Poi so benissimo che dal 18 dicembre 2014 non sono più rilasciate nuove caselle PEC (quindi se un utente si reca presso un'ufficio postale per attivazione ciò non è più possibile!).IO ce l'ho già attivata la mia casella PEC dal 2013,il mio dubbio è sino al 17 marzo 2015 potrò ancora usufruire del servizio completo?vale a dire invio e ricezione...io credo di si..perchè dal 18 marzo poi si potra'solo ricevere messaggi. In conclusione dovrebbe essere così: 18/12/2014 FINE RILASCIO DI NUOVE CASELLE PEC; 18/03/2015 SOLO MODALTA' RICEZIONE ; 18/07/2015 INIBITA LA RICEZIONE; 19/09/2015 SOLO ACCESSO AI MESSAGGI ; 17/03/2018 CHIUSURA ACCESSO AI MESSAGGI. Rivolgendomi ad un moderatore chiederei che vi sia certezza sino al 17 marzo 2015 nella possibilità d' inviare e ricevere ancora per un utente che ha già la sua casella attiva...urge in quanto devo spedire a giorni documentazione all'ASL e non vorrei avere spiacevoli inconvenienti..GRAZIE!!!
  6. Avatar
    Michele Nasi
    26/02/2015 19:18:36
    A quale indirizzo ti stai riferendo? Le caselle CEC-PAC di PostaCertificat@ (https://www.postacertificata.gov.it/hom ... rvizio.dot) non sono più attivabili già dallo scorso dicembre. Dal 18 luglio 2015, le stesse caselle non potranno più ricevere alcun messaggio e saranno disponibili solamente in consultazione fino al successivo 18 settembre.
  7. Avatar
    flaviacannone
    26/02/2015 18:35:26
    Chiederei gentilmente risoluzione al mio dubbio:per chi ha già casella PEC attivata,sino al 18 marzo vi è ancora possibilità di usufruire del servizio,cioè in merito all'invio e alla ricezione? poi dal 18 marzo si puo'ancora solo ricevere sino a luglio.Da quanto ho capito è possibile attivare ancora per 1 anno gratuitamente servizio facendo riferimento al nuovo indirizzo su riportato...vorrei conferma.Grazie.
  8. Avatar
    disperato
    10/02/2015 19:58:12
    E chi come me l'ha data come indirizzo su cui ricevere le chiamate di supplenza nella pubblica amministrazione? Non lavoro per due anni in attesa di poter fare una nuova domanda con un nuovo indirizzo E :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: mail?
  9. Avatar
    Mauro Belli
    25/01/2015 16:22:47
    Ci tolgono un servizio gratuito che il governo aveva esibito come fiore all'occhiello, come un altro passo verso l'informatizzazione e la digitalizzazione per il cittadino e la pubblica amministrazione, una delle poche iniziative pratiche per colmare il digital divide...Certo era molto farraginoso, tanto che gia' mi chiedevo cosa ci fosse di peggio. Ora lo so: la sua soppressione. E gl'investimenti fatti ? Stato sprecone o peggio ?
La Posta Certificata del Governo va in pensione - IlSoftware.it