9782 Letture

La città di Monaco abbandona Linux e torna a Windows

Sta facendo il giro del mondo, in queste ore, la decisione della città di Monaco di Baviera (Germania) che - dopo dieci anni - ha deciso di tornare ad utilizzare macchine Windows. Il progetto "LiMux" era stato avviato anni fa e proprio nell'ormai lontano 2004 la terza città tedesca per numero di abitanti aveva approvato il passaggio a Linux per circa 14.000 sistemi (questa la notizia che pubblicammo all'epoca).

Due lustri fa, la migrazione da Windows a Linux era stata motivata sulla base della volontà di ridurre i costi, di affidarsi ad una piattaforma affidabile e supportata dalla comunità degli sviluppatori, con l'obiettivo di assumere una decisione "politicamente corretta" per la città.

Oggi, i vertici cittadini spiegano che il passaggio a Linux non avrebbe portato ai risparmi che erano stati stimati e che la produttività dei dipendenti avrebbe subìto una flessione proprio in forza delle scelte operate sul versante software.
Si aggiunge anche che il sistema operativo del pinguino si sarebbe dimostrato più costoso da gestire: Monaco, infatti, ha dovuto reclutare una serie di sviluppatori ed esperti per implementare le funzionalità necessarie ed è stata costretta a remunerare più persone per aggiornare e manutenere il software.
Più che cambiare distribuzione Linux, quindi, la città di Monaco avrebbe deciso per tagliare nuovamente i ponti e tornare a Windows.

A questo punto, stando a quanto riferito, tutte le macchine sino ad oggi utilizzate (ne sono rimaste circa 9.000) saranno migrate su piattaforma Windows (fonte).


La svolta verso Windows di Monaco è stata già documentata anche su Wikipedia nella pagina che raccoglie l'elenco degli enti governativi, delle associazioni, delle istituzioni scientifiche e delle aziende che hanno scelto di adottare Linux al posto di altri sistemi operativi.


È comunque bene evidenziare che, nonostante - ad esempio - le inequivocabili dichiarazioni del vicesindaco della città teutonica, il ritorno a Windows non è stato ancora ufficializzato.

Aggiornamento: come già evidenziato, da Monaco viene ribadito che nessuna decisione è stata ancora presa in via ufficiale. Anzi, proprio alla fine dello scorso anno, i responsabili del progetto avevano celebrato gli ottimi risultati ottenuti parlando di risparmi dell'ordine degli 11 milioni di euro.
Di sicuro, nei prossimi giorni, si susseguiranno nuove prese di posizione.

  1. Avatar
    Michele Nasi
    21/08/2014 19:49:53
    Quello pubblicato è un semplice aggiornamento alla notizia che hai citato (e alle altre che sono apparse in passato). Ho cercato di far presente nell'articolo, più volte, che la decisione non è stata presa in via ufficiale ma che al momento vi sono due "fazioni": l'una che continua a promuovere il proseguo dell'esperienza LiMux presentando dati incoraggianti, l'altra che si oppone strenuamente. Pare, perché questo atteggiamento "cattedratico"? Le discussioni a Monaco continuano perché effettivamente è stato commissionato uno studio per valutare quale sia la miglior soluzione da percorrere nel prossimo futuro. In questo senso ho scritto che sarà importante tenere d'occhio, sicuramente con spirito critico, i risultati delle verifiche svolte in terra tedesca. Il consiglio comunale ha ribadito, ancora una volta, come ripetutamente sottolineato, che nulla è deciso in via definitiva e che "lo studio non riguarda solamente un eventuale passaggio da LiMux a Windows". La parola finale, stando a quanto ribadito, spetterà ai vertici cittadini eletti.
  2. Avatar
    Pare
    21/08/2014 18:26:03
    In realtà, più che vedere le notizie delle prossime ore, varrebbe la pena notare che la notizia è già stata smentita un mesetto fà... https://joinup.ec.europa.eu/community/osor/news/munich-city-council-shields-limux-against-mayor
  3. Avatar
    iskander66
    19/08/2014 17:40:05
    Leggendo un po' in giro si capisce che questa è la posizione del sindaco di Monaco, che definisce se stesso come un "Microsoft fan", posizione che è avversata dal consiglio municipale e dal responsabile IT del Comune. Mi sembra un banale caso di lobbying da parte di Microsoft e non è affatto detto che vada in porto. "These views aren't held universally, with the City Council defending the "LiMux" project and suggesting that the coalition administration is using the Linux migration as a scapegoat. The Council says the use of open source software has yielded savings of more than €10 million (more than $13 million)."
La città di Monaco abbandona Linux e torna a Windows - IlSoftware.it