8366 Letture

"La mia impresa online": il negozio online per le PMI

Si sono dovuti mettere in quattro per dar vita a un'iniziativa capace di riunire tutto quanto necessario a consentire a una piccola impresa, anche senza particolari competenze di Internet, di avviare un proprio sito, che integri un negozio dove poter vendere la merce prodotta. E i quattro nomi coinvolti sono di tutto rispetto: Google, Seat PG con PagineGialle.it, Register.it e Poste Italiane.

L'obiettivo di questa iniziativa è portare online le Pmi italiane che non si sono ancora avvicinate al Web. Come? Semplice, attraverso un'offerta che sia anzitutto gratuita e poi che offra il massimo livello di facilità di utilizzo.

E' nato così il portale LaMiaImpresaOnline.it, dove chi si iscrive viene guidato passo-passo nella realizzazione di uno spazio Internet personalizzato, da usare per promuovere la propria attività e per vendere i propri prodotti.


L'iniziativa scaturisce dalla consapevolezza delle aziende coinvolte del potenziale inespresso che c'è nel nostro Paese: infatti, secondo i dati Eurisko, solo il 20% dei 4 milioni di imprese con meno di 10 dipendenti oggi dispone di un sito Web.

Ma non solo, lo studio Fattore Internet commissionato da Google a The Boston Consulting Group, mostra che le piccole e medie imprese attive su Internet fatturano di più, assumono di più, esportano di più e sono più produttive di quelle che su internet non sono presenti o hanno solo un sito vetrina. In particolare, le imprese attive online hanno avuto nel 2010 un incremento del fatturato dell'1,2% rispetto a un calo del 4,5% registrato dalle imprese offline e un + 15% di vendite all'estero rispetto al +4% di quelle offline; il 34% delle piccole e medie imprese attive online ha registrato un aumento del personale, mentre il 65% ha dichiarato di aver ottenuto vantaggi in termini di produttività grazie ad Internet.

Da qui l'idea di incentivare la presenza sul Web delle imprese italiane con un numero limitato di dipendenti, anche con solo poche unità.


Obiettivo di LaMiaImpresaOnline.it è infatti di consentire la facile creazione di un sito vetrina, di promuoverlo con pubblicità mirata sul Web e di arrivare ad attivare una piattaforma di e-commerce. Nel caso si riscontrassero delle difficoltà in una della fasi di creazione o di gestione del sito, si ha sempre a disposizione un call center di supporto.

Ogni azienda che ha partecipato allo sviluppo del progetto ha un compito ben definito. Google si occupa della promozione dei siti, PagineGialle.it della parte inerente lo sviluppo, Register.it delle transazioni e Poste Italiane della logistica e della spedizione dei prodotti venduti.

Come si è detto, per favorire l'ingresso nel Web del maggior numero di aziende possibile, LaMiaImpresaOnline.it prevede un periodo di prova gratuito del servizio e alcune agevolazioni di corredo. Più in dettaglio, il sito creato viene gestito gratuitamente per un anno (è previsto uno spazio web fino a 10 GB, interfaccia di gestione dei contenuti, 10 caselle e-mail, sistema di statistiche real time e pannello di controllo), per i primi tre mesi l'attività di e-commerce è gratuita e le prime 50 imprese che avvieranno un negozio online potranno avvalersi di 5 spedizioni gratuite. Sul versante della promozione, le imprese avranno a disposizione un coupon AdWords da 100 euro per promuovere il proprio business attraverso pubblicità sul motore di ricerca Google. Tale coupon coupon è valido fino ad esaurimento del credito, senza limiti temporali.

Le quattro aziende che hanno dato vita all'iniziativa LaMiaImpresaOnline.it precisano che chi, dopo il periodo di prova, si ritiene soddisfatto dei risultati può proseguire rinnovano il contratto. In questo senso, Register.it sottolinea che è possibile avere rinnovi del servizio di e-commerce anche solo per periodi trimestrali e non necessariamente continuativi: il costo è di 65 euro a trimestre. Mentre il costo del rinnovo per un anno dell'hosting del sito è inferiore a 25 euro al mese.


Se invece non si è soddisfatti del servizio, si può disdire il contratto senza dover pagare nulla e rimanendo comunque in possesso dei nominativi degli eventuali clienti contattati nel periodo di attività.

Da evidenziare infine che LaMiaImpresaOnline.it si propone come servizio modulare e quindi, per esempio, se ne può avvalere per dar vita a un'attività di e-commerce anche chi ha già un sito ma non ha ancora attivato la vendita online dei propri prodotti.

www.01net.it

  1. Avatar
    Adriano Rossi
    11/05/2011 09:07:54
    La mia fregatura online.... il negozio online! Ho l'impressione che questo sia l'ennesimo cartello di furbetti che hanno trovato un facile accordo per mungere le PMI e servire a prezzi altissimi lo strumento di base per affrontare il mercato online. Figuriamoci quando offriranno qualcosa di più evoluto! Strano che non abbiano fatto una legge per rendere obbligatorio l'uso di questi strumenti!
  2. Avatar
    lamantino
    06/05/2011 21:30:32
    accusatemi di pessimismo latente ma sono scettico, se non c'è un reale strategia di comunicazione, il fatto di fare un sito magari anche fatto a foto copia dove c'è scritto forse male quello che fai non è che ti porti nuovi clienti. Sono le imprese che sono attente alle comunicazioni, investono e vanno in internet che possono hanno possibilità di sviluppo, il vice versa la vedo strada difficile.