Sconti Amazon
mercoledì 13 febbraio 2013 di 253411 Letture

La ricerca di Windows 7 non funziona? Ecco come impostarla al meglio e cercare nel contenuto dei file

Con il rilascio di Windows 7, nel 2009, la funzionalità di ricerca offerta dal sistema operativo è migliorata in modo netto rispetto al passato.

Lo strumento per la ricerca di file e cartelle di Windows 7 è attivo in modo predefinito sin dalla prima installazione del sistema operativo: tutti i file contenuti nelle cartelle personali dell'utente vengono automaticamente indicizzati e monitorati in modo da tracciarne tutte le eventuali successive modifiche. La funzionalità di ricerca di Windows 7 costruisce e mantiene aggiornato un indice che contiene informazioni non soltanto sul nome e sulla posizione di ciascun file ma anche, eventualmente, sul suo contenuto.
Abbiamo scritto "eventualmente" perché in Windows 7, attraverso la finestra "Opzioni di indicizzazione" è possibile definire quali tipologie di file debbano essere esaminate (ne viene fornita la rispettiva estensione) ed in quali casi debba essere annotato anche il contenuto del file.

La ricerca di Windows 7 non funziona, sostengono alcuni utenti, che spesso si rivolgono a soluzioni software sviluppate da terze parti. In realtà, se correttamente configurata, la funzonalità di ricerca integrata in Windows 7 offre risultati eccellenti e permette di trovare immediatamente i file che si stanno cercando.

La funzionalità per la ricerca di file e cartelle di Windows 7 non è così semplicistica come potrebbe apparire ad una prima analisi. In realtà, le possibilità offerte dal sistema operativo per individuare rapidamente gli elementi che corrispondono a determinati criteri sono così ampie ed articolate che, assai probabilmente, sapranno soddisfare le più disparate esigenze.

Per cercare rapidamente un file memorizzato sul disco fisso, è sufficiente digitare il suo nome od una o più parole presenti all'interno di esso, nella casella Cerca programmi e file di Windows 7.

Il sistema operativo indicherà immediatamente se l'elemento cercato è stato individuato tra i programmi, i documenti, video, immagini o tra gli altri file.

Se si prova a digitare il nome di un documento memorizzato nella cartella Documenti di Windows 7 (%userprofile%\Documents) all'interno della casella Cerca programmi e file del pulsante Start, questo sarà immediatamente indicato nella lista dei file individuati sul disco. Se si digitasse un termine contenuto in uno dei documenti conservati nella cartella Documenti, anche in questo caso Windows 7 provvederà ad enumerare tutti i file ove è presente almeno un'occorrenza della parola cercata.

Qualora il file d'interesse fosse memorizzato altrove o comunque non si riuscisse ad individuare un file a partire dal suo contenuto, è altamente probabile che le impostazioni della funzionalità di ricerca di Windows 7 non siano corrette.

Ricerca di Windows 7: controllare le impostazioni e specificare le tipologie di file che vengono indicizzate

Per controllare le impostazioni della funzionalità di ricerca integrata in Windows 7, è sufficiente digitare opzioni di indicizzazione nella casella Cerca programmi e file del pulsante Start: il sistema operativo, nel riquadro Percorsi da indicizzare, indicherà le cartelle il cui contenuto è attualmente monitorato in modo automatico.

Ovviamente, è possibile aggiungere nuovi percorsi (pulsante Modifica): così facendo, Windows 7 consentirà di effettuare delle ricerche istantanee anche sul contenuto delle directory specificate manualmente dall'utente.

Cliccando sul pulsante Modifica, è possibile verificare quali cartelle sono indicizzate da Windows 7.

Spuntando le caselle corrispondenti, è possibile specificare altre cartelle il cui contenuto si desidera venga inserito nell'indice. Non è comunque una buona idea indicizzare, ad esempio, l'intero disco C: dal momento che tenere traccia dei file di Windows potrebbe rallentare la funzionalità di ricerca e visualizzare file assolutamente non pertinenti con quanto richiesto.

Cliccando sul pulsante Avanzate, si può decidere di ricrerare l'intero indice usato per le ricerche (pulsante Nuovo indice) mentre cliccando sulla scheda Tipi di file, si possono verificare i tipi di file che non sono inclusi nell'indice.

Ricreare il nuovo indice potrebbe rivelarsi di grande utilità nel momento in cui si effettuassero molte modifiche all'elenco delle cartelle soggette ad indicizzazione automatica. Cliccando su Nuovo indice, si azzererà il contenuto dell'indice della ricerca e si comunicherà a Windows l'intenzione di volerlo rigenerare di sana pianta.


Buoni regalo Amazon
La ricerca di Windows 7 non funziona? Ecco come impostarla al meglio e cercare nel contenuto dei file - IlSoftware.it