2669 Letture

Le prove condotte da PC Tools criticano Windows Defender

PC Tools "strapazza" Windows Defender. Stando ai risultati delle prove condotte dall'azienda australiana "PC Tools" che, tra l'altro, sviluppa e commercializza un software antispyware ed antimalware diretto concorrente del tool di Microsoft, Windows Defender avrebbe riconosciuto e bloccato - in modalità "scansione veloce" - soltanto il 46,61% dei campioni utilizzati. Ricorrendo ad una scansione approfondita del sistema, Windows Defender avrebbe comunque rilevato solamente il 53,39% dei campioni malware impiegati nel corso dei test (ved. questa pagina).
I risultati dell'indagine - precisa PC Tools - sono frutto delle prove condotte da un laboratorio autonomo (Enex Testlab). Matt Tett, ingegnere capo di Enex ha dichiarato: "le conclusioni del test dimostrano come sia necessario lavorare ancora molto affinché Vista offra una protezione globale. L'adozione di utility di sicurezza sviluppate da terze parti si rivela ancora necessaria, soprattutto nell'area antispyware".
L'appunto di Tett si riferisce al fatto che Windows Defender è un componente integrato, tra l'altro, direttamente in Windows Vista, oltre che essere disponibile come download separato per le altre versioni di Windows.
Circa un mese fa (ved. questa notizia), anche Gerhard Eschelbeck - CTO di Webroot Software - pur apprezzando le sostanziali migliorie introdotte da Microsoft in Windows Vista, aveva criticato aspramente le abilità di Windows Defender nell'analisi antispyware ed antimalware.

Le prove condotte da PC Tools criticano Windows Defender - IlSoftware.it