1487 Letture

Le vulnerabilità penalizzano Explorer

Si chiama WebSideStory ed è una società che fin dal 1999 effettua misurazioni accurate sull'utilizzo del Web, monitorando quotidianamente qualcosa come 30 milioni di browser che puntano a migliaia di siti Internet..
E la notizia è frutto proprio di queste analisi.
Secondo la società, infatti, per la prima volta in cinque anni Internet Explorer mostra segni di cedimento e perde l'1% della quota detenuta sul mercato dei web browser.
Un dato considerato da WebSideStory estremamente significativo, proprio in virtù della stabilità che ha sempre caratterizzato il browser di Microsoft.
Non si sta naturalmente parlando di un crollo, dal momento che Explorer è semplicemente passato da una share del 95,7 a una del 94,7% nell'arco di un mese.
E' piuttosto il sintomo di un malessere o di una prima reazione da parte degli utenti nei confronti dei problemi di sicurezza manifestati dal prodotto.
E, proporzionalmente, la scivolata di Microsoft si è tradotta in un balzo per Netscape e Mozilla, che hanno visto crescere di numeriche molto significative le rispettive basi di utenti.
www.01net.it

Le vulnerabilità penalizzano Explorer - IlSoftware.it