5682 Letture

LulzSec: da oggi niente più attacchi informatici

Lulz Security, il gruppo di cracker che nelle scorse settimana ha ampiamente fatto parlare di sé, ha comunicato di aver deciso di chiudere le sue "attività".
Dopo aver violato numerose reti gestite da Sony, Nintendo, PBS, CIA ed altre famose aziende od agenzie governative, LulSec sembra voler porre la parola fine alle sue ripetute incursioni e "celebra" l'abbandono della scena con quella che dovrebbe essere l'ultima ondata di documenti e credenziali di accesso sottratte da una vasta schiera di server, compresi quelli di AOL e di AT&T.

Secondo i membri di LulzSec, il gruppo aveva già in piano di concentrare i suoi "raid" in un periodo ben definito: 50 giorni. D'ora in avanti viene promessa la "cessazione delle ostilità" e nessun altro dato sensibile verrà ulteriormente reso noto sul web. La decisione, quindi, non viene ricollegata alla crescente pressione esercitata, nei confronti di LulzSec, sia dagli investigatori che dagli altri gruppi di criminali informatici.


Qualcuno inizia a ritenere che possa trattarsi di un'azione tesa a deviare l'attenzione: ci sono troppi riflettori puntati su LulzSec ed il gruppo avere così deciso di far calmare le acque per poi (forse) dare nuovamente il via alle proprie scorribande. L'annuncio, inoltre, sembra mal conciliarsi con quello reso pubblico venerdì scorso quando vennero pubblicati numerosi documenti "rubati" presso l'archivio penale dell'Arizona. Chi ha pubblicato il materiale ha anticipato che si tratterebbe soltanto di un primo "assaggio", con rilasci futuri a cadenza settimanale.

Un gruppo "opposto" a LulzSec, A-Team, ha pubblicato nella giornata di ieri una serie di informazioni che sarebbero utili all'identificazione di coloro che hanno partecipato alle varie aggressioni informatiche.

  1. Avatar
    Enock Norland
    28/01/2014 23:15:16
    Ma ancora nel 2014 c'è chi fa uso dei termini come lamer o script kiddies? Mah, non sò voi... Se preferite dare ascolto a gente che usa termini da pecora fate voi... Concordo con il primo utente..
  2. Avatar
    Gulliver Presley
    20/11/2011 19:07:50
    Non per fare il pignolo ma una cosa che mi da fastidio è l'utilizzo di termini sbagliati dovuti alla disinformazione causata dai media. Lamer o script kiddies non esistono in ambito Underground Hacking proprio perchè la scala della Cyber-Utenza omette TASSATIVAMENTE le voci a riguardo. E' impensabile che si faccia utilizzo di neologismi impropri e nulli sul piano linguistico che facciano riferimento in modo colossale a concetti estranei e a persone fantomatiche quindi INESISTENTI sul piano fisico e reale. Lamer, script kiddies, o wannabe non esistono, come fa la gente ad utilizzare termini coniati da limitati di mente? Questo è la mia curiosità.
  3. Avatar
    jacopo
    28/06/2011 14:16:20
    Chiamali come ti pare, ma finchè riescono a rubare i dati personali dei clienti da colossi come Sony e Nintendo...
  4. Avatar
    Ralf
    27/06/2011 16:53:21
    ma che hacker... questi sono dei"script kiddie", gli attacchi sono di tipo lamer(basic) SQL injection e DDoS non rapresentano il vero significato di Underground Hacking
LulzSec: da oggi niente più attacchi informatici - IlSoftware.it