1340 Letture

Microsoft dice qualcosa di opensource

Con lo scopo di incrementare l'utilizzo di Windows Ce, Microsoft ha deciso di rendere aperto il codice sorgente del proprio sistema operativo per dispositivi portatili ai vendor che li producono o che realizzano componenti chiave.
La novità è data dal fatto che chi opererà sul codice non dovrà condividere i cambiamenti effettuati ne con gli altri vendor, ne con Microsoft.
Si tratta, quindi, di un source licensing che rende Macallan (Windows Ce 5.0) forse il primo prodotto Microsoft che in qualche misura si sottopone a un meccanismo aperto simile a quello dell'opensource (ma che riguarda un ristretto numero di utenti: produttori e sviluppatori di device).
Windows Ce 5.0, che sarà disponibile dal 9 luglio, è costituito da oltre due milioni e mezzo di righe di codice, che riguardano il kernel, l'interfaccia utente, i driver per l'hardware e gli stack di networking.
E a proposito dei partner di Microsoft coinvolti nel lancio del nuovo Os, Via Technologies ha annunciato il pieno supporto di Ce 5.0 con con driver dedicati sia per i propri processori ultra low power, sia per i chipset ed i companion chip da integrarsi sulle piattaforme dei vendor.
Via, lo ricordiamo, fornisce un'ampia gamma di dispositivi embedded, dagli advanced thin client e sistemi Pos ai Video on Demand e mobile media center.
www.01net.it

Microsoft dice qualcosa di opensource - IlSoftware.it