6082 Letture

Microsoft punta sulla diffusione del formato OOXML

L'istituto di ricerca tedesco Fraunhofer Fokus e Microsoft hanno annunciato di avere in progetto lo sviluppo di uno strumento basato sul web che aiuterà le aziende ad effettuare la validazione dei propri documenti in modo da accertarne la corrispondenza con gli standard riconosciuti a livello internazionale.

Gli standard hanno come obiettivo quello di fissare un formato che possa essere universalmente supportato, potenzialmente, da parte di qualunque software, di qualsiasi vendor.

Fraunhofer Fokus si farà carico dello sviluppo della libreria di test e dello strumento di validazione mentre Microsoft supporterà economicamente il progetto. Secondo le notizie pervenute, il sistema di controllo e validazione online punterà l'accento su Open Office XML (OOXML), formato per la stesura dei documenti promosso da Microsoft (standard ECMA-376 e ISO/IEC 29500:2008), di fatto "rivale" di OpenDocument (ODF), da sempre utilizzato in modo nativo - ad esempio - da parte della suite opensource OpenOffice.org.


Per favorire la diffusione del formato OOXML, Microsoft ha annunciato il rilascio della versione 1.0 di "Open XML Document Viewer", strumento che permette di trasformare i documenti OOXML in HTML cosicché possano essere visualizzati direttamente nel browser. Il programma è compatibile con Firefox, Internet Explorer 7.0 ed 8.0 oltre che con Opera: il supporto viene garantito attraverso l'installazione di un'apposita estensione o di un plug-in.

Il colosso di Redmond ha evidenziato anche l'aggiornamento di altri progetti che mirano a favorire l'interoperabilità con il formato OOXML. In primis viene ricordato Office Binary to Open XML Translator, applicazione che dà modo di convertire nel formato OOXML i documenti Office elaborati nei vecchi formati binari. Prosegue lo sviluppo di Apache POI che estende il supporto per il formato XLSX e migliora quello per DOCX e PPTX.
Ottimizzato anche il funzionamento di Open XML-ODF Translator, strumento che si prefigge come obiettivo quello di permettere agli utenti di Office 2003 e di Office XP la modifica di documenti ODF. Con il rilascio del Service Pack 2 per Office 2007, Microsoft ha integrato il supporto nativo per il formato ODF.

Microsoft punta sulla diffusione del formato OOXML - IlSoftware.it