6730 Letture

Microsoft resta flessibile su Windows XP

Se gli utenti ancora richiedono Windows XP, Microsoft non sembra intenzionata a metter loro i bastoni tra le ruote.
E così, di rinvio in rinvio, di agevolazione in agevolazione, la sensazione è che la società sia più che mai interessata a introdurre un'idea di flessibilità, piuttosto che di rigidi scadenziari.

L'ultima novità in ordine di tempo riguarda i distributori e i system builder, ai quali Microsoft offre oggi un escamotage per ottenere licenze XP aggiuntive anche oltre la scadenza fissata al 31 gennaio.

Ora si parla, secondo quanto riferisce Crn, di una sorta di inventario flessibile in base al quale i distributori devono presentare i loro ordinativi (senza limitazioni di quantità) entro il prossimo 31 gennaio, ma hanno tempo fino al 30 maggio 2009 per richiederne la consegna.
Niente obbligo di caricare i magazzini con cinque mesi di inventario, dunque, niente immobilizzo di capitale: le consegne possono essere programmate in base a quantoviene effettivamente venduto.


Secondo gli osservatori, si tratta di un ulteriore e poco equivocabile segnale della resistenza che Windows Vista continua a incontrare presso gli utenti finali, molti dei quali sarebbero ormai definitivamente orientati a un passaggio a Windows 7, senza toccare Vista.

Per altro, il prossimo sistema operativo dovrebbe essere rilasciato verso la fine del prossimo anno, anche se alcune indiscrezioni ventilano un possibile anticipo verso la metà dell'anno.
www.01net.it

  1. Avatar
    Lettore anonimo
    14/01/2009 18:52:25
    Ancora tu!! Uno che si chima "gnulinux866" potrebbe mai sostenere Windows 7?!? E' una versione beta 1, non è il diavolo!
  2. Avatar
    gnulinux866
    25/12/2008 11:13:03
    Leggendo vari forum in rete, in merito alla questione Windows 7, vedo una certa diffidenza, maggiore rispetto quella che accompagnò Windows Vista nelle stesso periodo. Già il fatto che Windows 7 sia chiamato anche Vista 2,0 suscita malessere in molti, malessere che trova conferma quando Microsoft dice che 7 non sarà un vero e proprio Sistema Operativo ma un ottimizzazione del precedente, è sarà basato su Vista Sp1, qui si comincia a parlare di Vista imbellettato, o di una semplice operazione di marketing, molti sono scettici nel acquistare una sorta di aggiornamento, alcuni affermano di volere rimanere a Vista, altri ancorati ad Xp dicono che se ci sarà una migrazione sarà solo verso Linux. Microsoft è ad un bivio, il Mac aumenta sempre di più , Windows comincia ad avere una flessione preoccupate, Linux aumenta la propria leadership in ambito server, e pur se lentamente comincia a farsi notare anche sul desktop, l'OpenSource aumenta la proprio diffusione anche in ambito aziendale. Con Windows 7 Microsoft si gioca molto, è un possibile flop porterebbe ad un punto di non ritorno.
Microsoft resta flessibile su Windows XP - IlSoftware.it