2682 Letture

Microsoft si protegge comprando 800 brevetti da AOL

Alla fine l'ha spuntata Microsoft. A Redmond finiranno infatti gli oltre 800 brevetti che AOL ha messo in vendita lo scorso autunno e che Microsoft, per l'appunto, sarebbe riuscita ad aggiudicarsi battendo una concorrenza fatta di giganti dell'hi-tech come Amazon, Google, Facebook ed eBay.

800 brevetti, peraltro, che da soli rappresentano un pezzo di storia di Internet, e che provengono dalle esperienze di Netscape, ICQ, MapQuest, CompuServe, Advertising.com ed entrate negli asset di AOL.

Si tratta di brevetti che hanno a che fare con l'advertising on line, con i meccanismi di ricerca sul web, con l'ecommerce e con le tecnologie mobili.
L'ammontare della chiusura d'asta è davvero importante e corrisponde a circa 1,3 milioni di dollari per brevetto, superando dunque, in valore unitario, la raccolta di Nortel, che lo scorso anno per 6.000 brevetti ottenne 4,5 miliardi di dollari.


La notizia è la conferma di quanto da tempo osservato: è sui brevetti che si stanno disegnando i nuovi equilibri del mercato Ict. E in futuro avvocati e tribunali avranno parecchio da fare.

www.01net.it

Microsoft si protegge comprando 800 brevetti da AOL - IlSoftware.it