4758 Letture

Niente Jobs, un nuovo iPhone e Leopard si tinge di bianco

Alla fine Steve Jobs, sul palco, non c'era. L'iPhone nuovo, invece, sì. E così, inevitabilmente, l'inaugurazione dell'edizione 2009 della Worldwide Developers Conference di Apple ha finito per spostare l'attenzione dal software, protagonista nelle intenzioni della società statunitense, di nuovo al dispositivo.

Il nuovo iPhone, annunciato ieri, il 3G S viene presentato come il più veloce e potente della famiglia. Miglioramento generale delle prestazioni, macchina fotografica a 3 megapixel, registrazione video, controllo vocale sono tra le caratteristiche del nuovo dispositivo che integra il nuovo iPhone OS 3.0 e tutte le sue funzionalità, quali Taglia, Copia e Incolla, MMS, ricerca Spotlight. Il tutto in due “taglie”: 16 e 32 Gb.

La nuova videocamera integrata nel dispositivo dispone della funzione “Tap to Focus”, che consente di selezionare con un semplice tocco sullo schermo l'oggetto o l'area di proprio interesse e la camera automaticamente regola la messa a fuoco e l'esposizione. Foto e video possono essere spediti per email o Mms, o essere caricati su MobileMe o YouTube.
Il controllo vocale, invece, garantisce operazioni a mani libere sia per le funzioni iPhone che iPod, consentendo dunque, attraverso comandi vocali, di chiamare un contatto, oppure selezionare un brano o un artista dalla propria playlist.
Nuova è anche la funzione VoiceOver, un lettore che dice cosa appare sullo schermo di iPhone 3G S, e che permette ad utenti con disabilità visive di fare chiamate, leggere mail, navigare nelle pagine web, riprodurre la musica e utilizzare le applicazioni.

La disponibilità è prevista per il prossimo 19 giugno, mentre al momento Apple non ha comunicato il prezzo del nuovo dispositivo.
Ufficiale, a questo punto, anche la data di rilascio di iPhone OS 3.0, disponibile il 17 giugno come aggiornamento gratuito attraverso iTunes per tutti gli utenti iPhone, mentre per gli utenti iPod touch lo potranno acquistare per 7,99 euro.


Non c'è stato però solo l'iPhone. Sul palcoscenico del Moscone Center di San Francisco, Apple ha presentato anche l'aggiornamento della linea MacBook Pro con unibody d'alluminio. Nei modelli da 13, 15 e 17 pollici viene ora integrata una nuova batteria con una durata fino a 7 ore, senza incrementi di spessore, peso o costo.
Nuovo è il Macbook Pro da 13 pollici, che sostituisce il precedente modello: con lo stesso design, ora include, oltre alla batteria, lo slot per SD Card, la porta Firewire 800, la tastiera illuminata e lo schermo migliorato, a retroilluminazione Led, scheda grafica NVidia GeForce 9400M. Due i modelli disponibili: uno con processore Intel Core 2 Duo da 2,26 GHz, 2Gb di Ram e disco fisso da 160GB al prezzo di 1.149 Euro e l'altro con processore Intel Core 2 Duo a 2,53 GHz, 4Gb di RAM e disco fisso da 250 GB al prezzo di 1.399 Euro.
Tre nuovi modelli rinnovano invece la gamma Macbook Pro da 15 pollici, per i quali il prezzo base parte oggi da 1.599 euro, mentre il MacBook Pro da 17 pollici è stato aggiornato con il processore Intel Core 2 Duo a 2,8 GHz e un disco fisso da 500 GB per 2.299 euro, 200 in meno rispetto a prima.
Si riducono i prezzi anche per i MacBook Air, aggiornati nelle funzionalità e oggi disponibili a partire da 1.399 euro.

Ma aggiornamenti importanti sono arrivati anche dal fronte software.
Una novità riguarda Safari, con il rilascio definitivo della versione 4, dopo la beta dello scorso mese di febbraio.
Disponibile per Mac e Windows, integra il motore Nitro, che velocizza sensibilmente JavaScript, e una serie di funzionalità quali Top Sites, Full History Search e Cover Flow, oltre al supporto di standard quali Html 5.

Più significativo ancora è poi il rilascio di Mac OS Snow Leopard, la cui disponibilità è prevista per il prossimo mese di settembre, come aggiornamento a Mac OS X Leopard
Tra i miglioramenti annunciati per questa nuova versione, Apple cita il Finder più reattivo, un più veloce caricamento dei messaggi email, una velocizzazione di Time Machine, una maggiore resistenza ai crash dovuti ai plug-in. Più leggero rispetto alla versione precedente, comprende inoltre QuickTime X con un riproduttore ridisegnato, che consente di vedere, registrare, tagliare e condividere video su YouTube, MobileMe o iTunes.
Le applicazioni di sistema per la prima volta sono a 64-bit e il supporto ai processori a 64-bit di Snow Leopard permette l'utilizzo di grandi quantità di Ram, incrementa le performance e aumenta la sicurezza, pur garantendo compatibilità con le applicazioni a 32-bit.
Snow Leopard integra il supporto a Microsof Exchange Server 2007 all'interno di Mac Os X Mail, Rubrica Indirizzi e iCal.

Mac OS 10.6 Snow Leopard verrà proposto come upgrade a Mac Os X versione 10.5 Leopard nel prossimo mese di settembre 2009. Sarà inoltre disponibile con licenza di singolo utente, come Family Pack per l'utilizzo in un singolo domicilio, con licenza per 5 utenti, anche se in questo momento Apple non ha fornito dettagli sul prezzo. Infine, il pacchetto di aggiornamento sarà disponibile per tutti i clienti che hanno acquistato un nuovo sistema Mac dall'8 giugno 2009 alla fine del programma il 26 dicembre 2009. Anche in questo caso il prezzo sarà comunicato in seguito.

Ed a qualche ora di distanza dal lancio del nuovo iPhone e dall'apertura dell'edizione 2009 della Worldwide Developers Conference, i commenti in rete cominciano a dare la misura degli umori di analisti, osservatori e blogger.

L'assenza di Steve Jobs ha sicuramente suscitato un pò di delusione, anche se, in realtà, nessuno aveva avuto conferme dirette o indirette della sua possibile presenza sul palco del Moscone Center.
L'unica nota ufficiale, rilasciata da Apple, riguarda il suo rientro anticipato dal periodo di malattia, previsto per la fine del mese di giugno.
Del resto, va anche sottolineato, una sua apparizione nel keynote inaugurale della Wwdc avrebbe distolto l'attenzione dei commentatori, della stampa e degli analisti dalle novità annunciate, dirottandola su comprensibili speculazioni sul suo effettivo stato di salute e sui destini di Apple in termini di successione sul ponte di comando. Togliendo, per di più, il dovuto spazio a Philip Schiller che in questi mesi ha assunto la responsabilità dell'operatività e delle strategie aziendali.


Era dunque per lo meno corretto lasciare spazio ai prodotti e al management che ne ha curato il lancio.
Resta da capire, tuttavia, quali siano le novità realmente annunciate da Apple.
Un'analisi un pò severa dell'intero pacchetto-novità porta a una conclusione: più che di nuovi prodotti si tratta, sia per il software, sia per l'hardware, sia ancora per il melafonino, di aggiornamenti. A meno di non voler classificare tra le novità l'introduzione degli Mms. Ci sono, è vero, alcune funzionalità interessanti, ad esempio nella nuova fotocamera dell'iPhone, ma non si tratta di new concept, ma di ampliamento dell'offerta.

La novità, piuttosto, si riscontra nella nuova disponibilità di Apple a ridiscutere i propri prezzi. Si parla di tagli di 200 dollari, in media, sul pricing base dei MacBook, che finiscono così per avvicinarsi ad analoghe proposte (se pur di fascia più alta) in area pc.
E ha fatto la sua comparsa l'iPhone da 99 dollari, vagheggiato nei rumor della vigilia. C'è, è il modello a 8 Gb, e lo propone At&t con un contratto biennale.
Resta la discutibile policy di far pagare gli aggiornamenti dei software. Un utente iPod Touch dovrà pagare 7,99 euro semplicemente per attivare funzioni di fatto già presenti sul suo dispositivo. Ma la gratuità non rientra nelle politiche di Cupertino.
www.01net.it

  1. Avatar
    gnulinux866
    09/06/2009 19:22:06
    Leopard Snow a settembre.... :roll:
  2. Avatar
    giandodt
    09/06/2009 14:16:22
    A me come mac-utente da 2 anni le novita' o gli aggiornamenti vanno piu' che bene. Ci accontentiamo di poco... :D L'aggiornamento a snow e' di soli 29$. Che i prezzi calino mi fa piacere, come a tanti. Certo e' che dal momento che ho acquistato un imac20 non ho speso un euro in softwares vari,schede video,processori di ultima produzione ed altre novita' vere o presunte. Come la prima volta... schiaccio un bottone e sono operativo :mrgreen:
Niente Jobs, un nuovo iPhone e Leopard si tinge di bianco - IlSoftware.it