34849 Letture

Nuova versione di CWShredder: per difendersi da un pericoloso hijacker

E' abbastanza recente la diffusione di un hijacker piuttosto invasivo che forza Internet Explorer a collegarsi con siti web specifici. Questi reindirizzamenti possono verificarsi anche durante la semplice consultazione di motori di ricerca o la digitazione di URL di siti web.
La presenza di questo fastidioso hijacker - si chiama CoolWebSearch - si evince anche in seguito alla comparsa di alcuni messaggi di errore in fase di riavvio del personal computer (riguardano i file WIN.INI e IEDLL.EXE), all'impossibilità di aprire la finestra delle opzioni di Internet Explorer, alla modifica della home page del browser con un'altra.
CoolWebSearch (e le sue diverse varianti in circolazione) impedisce, tra le altre cose, di collegarsi a siti web contenenti informazioni anti-spyware; non permette l'aggiornamento di software come SpyBot, Ad-Aware, SpywareBlaster e simili; chiude immediatamente i vari software anti-spyware non appena avviati rendendone di fatto impossibile il loro utilizzo.
Per rimuovere CoolWebSearch, il software CWShredder è la soluzione migliore: basta avviarlo facendo doppio clic sull'eseguibile e premere il tasto Fix.
Merijn.org ha appena rilasciato CWShredder 1.59, la nuova versione dello strumento che consente di rilevare ed eliminare tutte le varianti di CoolWebSearch al momento in circolazione.
Ma come è possibile che sul vostro sistema si sia insediato CoolWebSearch? Il principale responsabile è la Java Virtual Machine non aggiornata o comunque browser e sistema non adeguatamente "patchati". La chiave per non aver problemi resta quindi un periodico aggiornamento del sistema mediante l'installazione delle varie patch rilasciate.
Per sapere tutto su hijackers, spyware e componenti potenzialmente nocivi, vi suggeriamo il nostro articolo "Le strategie per difendersi da spyware, hijackers e malware".
CWShredder 1.59 è scaricabile da questa pagina.
Grazie a amvinfe per la gentile segnalazione.

Nuova versione di CWShredder: per difendersi da un pericoloso hijacker - IlSoftware.it