4328 Letture

Nuovi attori nella causa contro Microsoft

Una settimana di proroga. Tanto ha ottenuto Microsoft dagli organi regolatori dell'antitrust europeo che hanno dunque spostato al 28 aprile l'udienza durante la quale dovrà rispondere alle accuse di concorrenza sleale.

L'accusa, come è noto, è di aver tenuto un comportamento illecito nei confronti dei propri concorrenti integrando il proprio browser direttamente nel sistema operativo.

Va detto che proprio nei giorni scorsi altri soggetti sono entrati in causa. Tra questi il gruppo Ecis, del quale fanno parte tra gli altri IBM, Nokia, Oracle and Sun, che ha richiesto di essere considerato come terza parte in causa.
L'obiezione dei nuovi richiedenti è che con l'arrivo sul mercato dei browser di nuovi player diventa necessario ridefinire il campo di gioco e le regole con le quali participare.
www.01net.it

  1. Avatar
    Jeppe
    22/04/2009 14:47:48
    E' come se la Fiat dovesse vendere le macchine senza volante. Intanto tutti gli utenti devono aggiungere di tutto al SO. E io ripago come diceva TOTO'.
  2. Avatar
    Rodtek
    20/04/2009 10:17:31
    Volete dirci che qualcun'altro s'è aggiunto alla schiera di coloro che ciucciano soldi da mamma Microsoft? Ma che strano. Sempre più oscure mi paiono le scelte di tali tribunali, che ignorano il mercato e ascoltano solo le carte che gli vengono sottoposte. Trascurando meriti, vantaggi, benefici e soprattutto casi simili. Non ritengo che Microsoft abbia inibito il benchè minimo diffondersi di qualsiasi Browser. Ritengo che fosse un obbligo dotare Windows di un browser di default. Ritengo che Safari in OS abbia lo stesso ruolo. Ritengo che Safari non sia (completamente) eliminabile, senza danneggiare il sistema OS. Ritengo che Apple non abbia scucito il benchè minimo dollaro (o euro in questo caso) per la stessa motivazione. Del resto installare di default un browser sul 5% dei computer è diverso che installarlo sul 95%. Come dire, il 5% di chi viaggia a 180 in autostrada non lo multiamo, perchè sono quelli che viaggiano in moto. Non fa una piega. Rod
Nuovi attori nella causa contro Microsoft - IlSoftware.it