3496 Letture

P2P: Macrovision affila le armi e Kazaa condannato

Due notizie scuotono il mondo dei software peer-to-peer (P2P). Macrovision sta infatti scendendo in campo con un nuovo sistema che sulla carta dovrebbe essere in grado di scoraggiare l'uso dei client P2P per lo scambio illecito di contenuti protetti dalle leggi sul diritto d'autore. Si chiama Hawkeye e si tratta di una tecnologia che ha come obiettivo primario quello di "bombardare" le reti P2P con false informazioni proponendo, a chi effettua una ricerca, file contenenti rumore oppure, semplicemente, silenzio.
Macrovision ha battezzato Sinkhole quei file che, pur sembrando perfettamente validi ed essendo messi in attesa per il download, non vengono mai scaricati "bloccando" così l'utente.
Hawkeye, stando a quanto dichiarato da Macrovision, opererebbe già in modo ottimale sulle reti FastTrack (protocollo usato principalmente da Kazaa e relative varianti oltre che da Grokster ed iMesh) ed eDonkey (eDonkey2000, eMule, aMule, Shareaza ed altri ancora). Al momento, invece, BitTorrent sarebbe escluso da questo tipo di azioni.
Responsabili di Macrovision hanno voluto sottolineare come i loro sistemi possano essere usati, ad esempio, per veicolare contenuti che inducano l'utente ad acquistare i contenuti cui è interessato per i canali leciti.
Dal punto di vista legale non va meglio per il peer-to-peer. Il giudice australiano Murray Wilcox ha sentenziato come Kazaa abbia di fatto autorizzato i suoi utenti a violare i diritti d'autore spronandoli a scambiare contenuti distributi in modo illecito. Sharman Networks, società che ha sviluppato Kazaa, si era difesa sostenendo come i loro tecnici non avessero alcun controllo sul materiale scambiato attraverso il loro programma.
Il giudice Wilcox ha obbligato Sharman a modificare il software Kazaa in modo tale che non sia più possibile commettere, da parte degli utenti, violazioni dell'"Australian Copyright Act". La società, inoltre, dovrà esercitare massima pressione affinché i suoi utenti provvedano ad aggiornare all'ultima versione "filtrata".
Pesante anche il risarcimento danni inflitto a Sharman Networks che dovrà pagare il 90% delle spese legali sostenute dalle aziende discografiche.

P2P: Macrovision affila le armi e Kazaa condannato - IlSoftware.it