1866 Letture
PCIe 6.0, le specifiche saranno approvate nel 2021. 64 Gbps per singolo canale

PCIe 6.0, le specifiche saranno approvate nel 2021. 64 Gbps per singolo canale

Ancora non sono stati lanciati i primi prodotti compatibili PCIe 4.0 che già il PCI-SIG pensa al futuro, complice anche il protocollo CXL sul quale sta lavorando Intel.

Al momento della stesura di quest'articolo gli utenti finali non hanno ancora accesso ad alcun dispositivo compatibile con le specifiche PCIe 4.0 che già i produttori si stanno muovendo per iniziare a valutare l'implementazione di PCIe 5.0, recentemente divenuto standard: Approvato lo standard PCIe 5.0: trasferisce 32 Gbps per singolo canale.

Il PCI-SIG (Peripheral Component Interconnect Special Interest Group), consorzio di aziende operanti nel campo dell'elettronica che si occupa, tra gli altri, dello sviluppo dello standard PCIe (PCI Express), comunica di essere già proiettato in ottica futura.

PCIe 6.0, le specifiche saranno approvate nel 2021. 64 Gbps per singolo canale

PCIe 6.0 raddoppierà ancora l'ampiezza di banda sul singolo canale portandola a 64 Gbps (8 GB/s) e quadruplicando quindi le prestazioni di PCIe 4.0 (2 GB/s), interfaccia che debutterà con il chipset X570 e i processori AMD Ryzen 3000 a partire dal 7 luglio prossimo: I nuovi processori Ryzen 3000 funzioneranno meglio con Windows 10 Aggiornamento di maggio 2019.
I dispositivi connessi all'interfaccia PCIe 6.0 potranno usare fino a sedici canali (PCIe x16) per un totale di 128 GB/s di banda.

PCIe 6.0, le specifiche saranno approvate nel 2021. 64 Gbps per singolo canale

Almeno in parte l'immediata pressione sull'acceleratore che ha subìto PCIe 6.0 ha a che vedere con l'intenzione di Intel di utilizzare l'interfaccia insieme con il suo protocollo CXL (Compute Express Link) del quale abbiamo parlato nell'articolo CXL è la risposta a NVLink: cos'è e che cosa collega.


Le nuove specifiche, che quindi abbracceranno l'utilizzo dell'interfaccia di interconnessione CXL, non saranno comunque pronte prima del 2021. Anche perché qui dovrà essere svolto un imponente lavoro sulla stabilizzazione dei segnali: incrementando le frequenze trasmissive è più difficile assicurarsi che ciascun bit trasferito in una brevissima finestra temporale sia poi adeguatamente ricevuto e ricostruito.
Nel caso di PCIe 6.0, il PCI-SIG ha previsto il passaggio al nuova sistema di trasferimento dei segnali PAM4 che permetterà, attraverso l'utilizzo di opportuni livelli di tensione, di rappresentare non soltanto 0 e 1 ma, complessivamente, quattro stati ovvero 00, 01, 10 e 11.
Il nuovo approccio ha anche il vantaggio di ridurre il rumore introdotto durante le trasmissioni dati anche se, di converso, i consumi energetici tenderanno a salire.


Un ulteriore rovescio della medaglia consiste nella maggiore probabilità di interpretare in modo scorretto i vari livelli di tensione. Per questo motivo PCI-SIG ha in programma l'integrazione di un solido sistema per la correzione dell'errore (Forward error correction o FEC).

PCIe 6.0, le specifiche saranno approvate nel 2021. 64 Gbps per singolo canale