2182 Letture

Plex riproduce i contenuti multimediali salvati su cloud

Plex, il famoso riproduttore multimediale con funzionalità server, si aggiorna e da oggi permette la gestione di contenuti multimediali salvati direttamente sul cloud.
L'idea di Plex Cloud era stata presentata a settembre e da oggi tutti gli utenti di Plex possono accedere alla nuova funzionalità.

Plex riproduce i contenuti multimediali salvati su cloud

Non è più indispensabile memorizzare i contenuti in locale, ad esempio in un server NAS (vedere Costruire un server NAS professionale): Plex d'ora in avanti permetterà di riprodurre file multimediali salvati sui principali servizi di storage cloud come Google Drive, Microsoft OneDrive e Dropbox, a patto - ovviamente - di disporre di una connessione a banda larga o ultralarga performante.


Inizialmente Plex ha offerto la possibilità di riprodurre i contenuti salvati su Amazon Cloud. In seguito, però - a causa di problemi tecnici che sembrerebbero in corso di risoluzione - il supporto del servizio di storage targato Amazon è stato rimosso.

Come abbiamo spiegato nell'articolo Collegare PC a TV, come fare con Chromecast e Videostream, Plex utilizza un motore di transcodifica che consentire di riprodurre - ad esempio via DLNA - file multimediali che non sarebbero supportati nativamente dal firmware dei televisori.

Per provare Plex Cloud è per ora necessario un invito che può essere richiesto facendo riferimento a questa pagina.

Plex riproduce i contenuti multimediali salvati su cloud - IlSoftware.it