3755 Letture

RIM presenta BlackBerry 10 e cambia la sua strategia

Confermate le indiscrezioni "della vigilia". Nei giorni scorsi avevamo dato notizia della consegna, ad alcuni tester selezionati, di un nuovo smatphone a marchio Research In Motion (RIM). Battezzato "BlackBerry 10 Alpha Developer", si trattava di un telefono sprovvisto della storica tastiera QWERTY e simile, nella forma, ad un HTC Desire HD o ad un Apple iPhone 4 (ved., in proposito, questa notizia).

E sebbene i portavoce di RIM avessero negato il lancio di un nuovo dispositivo in occasione del "BlackBerry World", l'evento annuale dedicato da RIM alla comunità dei suoi sviluppatori, il sistema operativo "BlackBerry 10" è stato l'indiscusso protagonista della scena. Tanto che l'edizione di quest'anno del "BlackBerry World", tutt'ora in corso ad Orlando, in Florida, sembra assumere una rilevanza diversa, sia perché l'appuntamento dovrebbe sancire il cambio di rotta dell'azienda canadese dopo le novità al vertice dei mesi scorsi, sia perché dovrebbe offrire agli sviluppatori gli spunti giusti per tornare a investire tempo e risorse sulla piattaforma.
Se non c'è stata la presentazione di un device nuovo, tuttavia, si è ampiamente parlato del sistema operativo che sarà preinstallato sui nuovi dispositivi BlackBerry preparando la comunità degli sviluppatori e la clientela per quella che si configura come una rivoluzione totale.

La posta in gioco è alta: è dagli annunci di queste ore che si determinerà il futuro dell'azienda, stretta tra Apple da una parte e Android dall'altra. E la chiave, finalmente, è Qnx. Il sistema operativo, rilevato da RIM nel 2010, finora è stato utilizzato solo in Playbook, il tablet lanciato lo scorso anno dalla società, nonostante da tempo sviluppatori e utenti ne chiedevano l'implementazione anche sugli smartphone.


Il momento è dunque arrivato ed è proprio Qnx la base del nuovo sistema operativo BlackBerry 10, la cui disponibilità è prevista nel corso di quest'anno. Un annuncio che rappresenta un vero e proprio nuovo inizio per la società di Mike Lazaridis. Nuova la piattaforma, nuove le applicazioni, nuova la partenza.
Non è prevista compatibilità reciproca tra le precedenti versioni del sistema operativo targato BlackBerry, tanto che ben poche delle applicazioni esistenti gireranno sul nuovo BlackBerry 10, tantomeno lo faranno le applicazioni nuove sulle precedenti versioni dell'OS.
Ed è proprio qui che sta la grande scommessa di RIM: entusiasmare o per lo meno convincere gli sviluppatori a investire sul nuovo. Un video, mostrato ai presenti durante il discorso di apertura tenuto da Thorsten Heins, mostra le caratteristiche salienti di BlackBerry 10:




Solo se gli utenti avranno la certezza di un ecosistema consistente potranno indirizzare le loro scelte di acquisto verso i nuovi dispositivi, dei quali, come abbiamo riportato nei giorni scori, sono disponibili numerosi prototipi proprio perché gli sviluppatori possano testarli.

Del nuovo sistema operativo RIM evidenzia la semplicità d'uso, basata più sui gesti che sulla tastiera, un più semplice ed immediato sviluppo di applicazioni, più ricche - rispetto al passato - dal punto di vista dei contenuti multimediali e grafici.
Tra gli sviluppatori, Gameloft si starebbe impegnando per rilasciare 11 giochi per la nuova piattaforma, e sarebbero al lavoro anche realtà come Endomondo, PixelMags e Wikitude.

Per quanto riguarda invece i nuovi device, i cosiddetti modelli "Alpha Dev", rilasciati per l'appunto in questi giorni in 2.000 esemplari agli sviluppatori, è confermata l'assenza della tastiera "fisica", uno dei marchi di fabbrica di BlackBerry, e l'impiego di un design curato che li avvicina, nel look & feel, ai modelli di HTC ed Apple. Introdotta anche la funzionalità "foto time-shifting": quando si effettua uno scatto, l'applicazione installata sullo smartphone BlackBerry salva una sequenza di fotografie: in questo modo è sempre possibile salvare l'immagine migliore evitando, ad esempio, che il soggetto inquadrato abbia gli occhi chiusi.

RIM presenta BlackBerry 10 e cambia la sua strategia - IlSoftware.it