36851 Letture

Ridurre il consumo di dati su Android

Uno smartphone è un oggetto utilissimo anche sul lavoro perché consente di leggere e rispondere alle e-mail mentre si è fuori dall'ufficio od interagire con colleghi e collaboratori mentre si è in mobilità. Per collegarsi alla Rete mentre si è in viaggio, ovviamente, è necessario attivare la connessione dati offerta dall'operatore telefonico di riferimento.
Tipicamente, a meno di offerte speciali, è necessario attivare un'opzione che permette di connettersi in mobilità versando un importo forfettario, un canone di abbonamento settimanale o mensile.
I piani tariffari proposti dai vari operatori mobili sono oggi basati sul traffico dati in entrata ed uscita. Di solito non si tratta di quantitativi illimitati in termini di mega o gigabytes: è quindi bene fare attenzione alle modalità con cui si scambiano i dati con il proprio smartphone Android.
È pur vero che alcuni operatori telefonici, nel caso in cui si dovesse consumare tutto il traffico dati compreso nell'offerta, non applicano ulteriori costi ma la velocità di trasferimento dati viene spesso abbassato ad un valore inadeguato (ad esempio, 32 kbps).
È quindi bene ridurre il consumo dati e gestire al meglio l'offerta tariffaria che si è attivata in modo da evitare lo scambio di informazioni superflue e pesanti (quelle attività che potrebbero essere ad esempio espletate usando la connessione Wi-Fi dell'ufficio o di casa).

Una delle operazioni che si effettuano più spesso quando si utilizza lo smartphone in mobilità, oltre alla consultazione della posta, è la navigazione online con il browser web.
Ogni browser, tipicamente, dopo aver elaborato la richiesta dell'utente si connettono al server web di destinazione e restano in attesa di ricevere tutti gli elementi che compongono ciascuna pagina.


Opera Mini, disponibile anche nella versione per Android, sfrutta un approccio differente.
Le pagine web richieste dall'utente di Opera Mini vengono infatti prima elaborate dai server di Opera e compresse al massimo in modo da ridurre nettamente il quantitativo di dati scaricati attraverso la connessione "mobile".
L'applicazione di Opera è stata la prima in assoluto a proporre questa filosofia: la richiesta dell'utente non viene quindi diretta subito al server web che ospita il sito d'interesse ma transita sempre attraverso le macchine del produttore norvegese che provvedono a comprimere il più possibile tutti i dati.
L'unico svantaggio di Opera Mini è che in talune circostanze, il rendering delle pagine web richieste non viene effettuato in maniera ineccepibile (lo si vede anche visitando IlSoftware.it).

Molto più efficace nel riprodurre correttamente le pagine web sul dispositivo mobile è Google Chrome per Android che da poco tempo integra quella stessa funzionalità che ha decretato il successo di Opera Mini.

Ridurre il consumo di dati su Android

Dopo aver installato il browser sul dispositivo Android (vedere questa pagina), si potrà accedere alle sue impostazioni quindi selezionare Gestione larghezza di banda.

Ridurre il consumo di dati su Android

Toccando "Riduci l'utilizzo dei dati" quindi selezionando Attiva, Chrome comprimerà automaticamente i dati contenuti nelle pagine web indipendentemente dalla connessione che si sta utilizzando.

Ridurre il consumo di dati su Android

La funzionalità per la compressione automatica dei dati potrà essere disabilitata in qualsiasi momento accedendo nuovamente alla sezione Gestione larghezza di banda delle impostazioni di Chrome.

Ridurre il consumo di dati su Android

Ovviamente, le richieste di connessione dirette verso pagine che utilizzano il protocollo HTTPS verranno sempre e comunque effettuate in modo diretto, senza passare per i server proxy di Google.
Inoltre, se si sceglierà di navigare "in incognito" (Chrome non memorizza sul dispositivo mobile alcun dato relativamente al sito web oggetto di visita) non si potrà fruire della compressione dei dati.

Ridurre il consumo di dati su Android

Disattivare gli aggiornamenti automatici da Google Play in mobilità

Uno dei consigli migliori per scongiurare un pesante utilizzo del traffico dati messo a disposizione dall'operatore telefonico consiste nel disattivare gli aggiornamenti da Google Play in mobilità.
Per procedere è necessario accedere alle impostazioni di Google Play ed assicurarsi di aver impostato Aggiornamento automatico app sulla voce Aggiornamento automatico app solo tramite Wi-Fi.

Ridurre il consumo di dati su Android

Disattivare la sincronizzazione automatica

Quando si è fuori ufficio o fuori casa e non si sta utilizzando una connessione Wi-Fi, la disattivazione delle funzionalità di sincronizzazione automatica delle app Android consente di ridurre notevolmente il consumo di dati. Ovviamente si perderanno le notifiche automatiche ma si eviteranno i trasferimenti di dati più pesanti.

Per procedere, basta "spegnere" l'icona Sincroniz. presente nella barra che compare facendo slide verso il basso dall'area di notifica di Android.
In alternativa, è sufficiente accedere alle impostazioni di Android, selezionare Utilizzo dei dati, richiamare le impostazioni e togliere il segno di spunta dalla voce Sincronizzazione automatica.

Ridurre il consumo di dati su Android

Facendo leva sullo stesso menù, è possibile, eventualmente, limitare i dati scambiati "in background" dalle varie app.
In questo caso, però, va detto che potrebbero verificarsi temporanei malfunzionamenti proprio sulla base delle limitazioni forzosamente applicate da Android.


Nella medesima schermata sono indicate le applicazioni con le quali si è scambiato il maggior quantitativo di dati in Rete.

Da evitare comunque, l'utilizzo di tutte quelle applicazioni che richiedono il download di grandi quantitativi di dati (i.e. app per lo streaming di contenuti audio e video).
A tal proposito, è bene tenere presente che applicazioni come YouTube e Spotify consentono di effettuare il cosiddetto "preloading" dei dati. In altre parole, viene permesso di scaricare temporaneamente i contenuti attraverso una connessione Wi-Fi per poi visualizzarli in un secondo momento.

Ridurre il consumo di dati su Android

YouTube, ad esempio, propone la voce Precarica video da guardare dopo fra le sue impostazioni (sezione Precaricamento).


  1. Avatar
    Sampei Nihira
    04/12/2014 14:35:04
    Citazione: Opera Max: c'è qualcosa che non mi torna. Se vai su http://www.dnsstuff.com prima e dopo aver abilitato Opera Max, che IP leggi? Quello assegnato dall'operatore di telefonia mobile o quello della VPN di Opera?
    Non è un test che posso fare io per ovvi motivi di OS mobile. Opera Max è installato nello smart di mia figlia che per questa settimana è fuori città. Comunque mi ha comunicato che non c'è variazione di indirizzo IP. Credo che ha fatto il test esclusivamente con Chrome con abilitato il risparmio dati.
  2. Avatar
    Michele Nasi
    03/12/2014 18:00:46
    Opera Max: c'è qualcosa che non mi torna. Se vai su www.dnsstuff.com prima e dopo aver abilitato Opera Max, che IP leggi? Quello assegnato dall'operatore di telefonia mobile o quello della VPN di Opera?
  3. Avatar
    Sampei Nihira
    03/12/2014 15:19:33
    E' possibile constatare nei commenti di NoRoot Firewall vari utenti che sosterrebbero che l'app aumenta il consumo dati !!! :mah: :gratgrat:
  4. Avatar
    Sampei Nihira
    02/12/2014 20:57:04
    Della serie non si finisce (ne mai si finirà.....è questo il bello :wink: ). Devo ricredermi. Proprio questa sera ho verificato che Chrome viene interessato da un risparmio dati se sotto tutela Opera Max. Ed anche se non posso ripetere l'esperimento (e purtroppo nemmeno chiedere a mia figlia di replicare le sue mosse) mi chiedo se Opera Mini sarebbe stato interessato dallo stesso/maggiore/minore............. risparmio dati.
  5. Avatar
    Sampei Nihira
    30/11/2014 09:48:46
    E' possibile notare dallo screen sotto che alcuni applicativi in un uso comune,non vengono interessati dal risparmio dati con Opera Max. I più noti e comuni Chrome (con attiva la compressione),FB, WhatsApp. Mentre ad esempio con l'uso di Instagram si nota la differenza: http://s24.postimg.org/58hef8kgx/image.jpg
  6. Avatar
    Sampei Nihira
    27/11/2014 14:55:13
    Con una scusa (plausibile) ho installato nello smart di mia figlia l'applicazione Opera Max. Il suo smart è pieno zeppo di applicativi che vanno di moda trà i giovani di oggi. E' scomodo che ad ogni avvio dello smart si deve avviare l'applicazione. Dopo 7 gg occorre richiedere il pass in modalità gratuita. Siccome il suo smart è anche provvisto di Greenify vediamo se il consumo batteria è così esagerato come riportato nei commenti dello store. Interessante la % (presunta ritengo) di consumo dati degli applicativi installati. Infatti abbiamo subito disinstallato 1 applicazione non necessaria che consumava dati in modo esagerato. E proceduto a bloccare altre 2 applicazioni. Credo sia interessante questo test perchè non sarà.......................condotto da me. :D Se c'è qualche utente (però che sia dotato delle mani :mrgreen: per scrivere le sue impressioni in questo forum) che nel frattempo vuole provare l'applicativo sotto: https://play.google.com/store/apps/deta ... d.onavoics che compie la stessa funzione. (Però è in inglese ed occorre una registrazione)
  7. Avatar
    Sampei Nihira
    27/11/2014 14:40:23
    Ragazzi lo sò ma chi non ha i terminali provvisti di root non può usare applicazioni che agiscono sull'Host. Chi vuole provare Adguard su un dispositivo non rootato (altrimenti meglio usare il metodo che cita Freddy) consideri che non avrà a disposizione i plus della versione premium e cioè: 1) Blocco degli ads nei giochi e applicazioni 2) Protezione contro phishing e malware quindi in pratica sarà attivo solo il blocco ads con il browser.
  8. Avatar
    Freddy
    27/11/2014 13:28:13
    Nonostante io sia un fan di Adguard per la versione PC non ho ancora provato quella per smartphone, continuo ad usare il metodo file hosts, posso dire che sicuramente c'è un risparmio dati perchè come già spiegato nel mio topic questo programma a differenza di altri blocca la pubblicità prima che venga scaricata, ti metto un'immagine della versione pc considera che nella riga del traffico vengono considerati anche i download pertanto devi togliere almeno 150 mb che ho scaricato, per pc questa è quanto di meglio ci sia http://i.imgur.com/QijpqEF.png
  9. Avatar
    Sampei Nihira
    27/11/2014 12:16:11
    Il mio interesse attuale è quello del risparmio dati. A tal proposito vorrei aggiungere le impostazioni per Youtube per WI-FI ma sopratutto quelle per FB in merito ai video solo su WI-FI. Vorrei sollecitare qualcuno anche a provare Adguard (funzionale negli smart no root) per Android: http://adguard.com/en/adguard-android/o ... nstruction con funzionalità più interessanti per la ver premium. Maggiori info al link sotto: http://www.wilderssecurity.com/threads/ ... id.370671/ Io devo essere sincero ho testato l'applicativo veramente poco ecco il perchè della mia richiesta. E...........poi mi devo adeguare alle richieste della "padrona dello smartphone" !!!! :roll: A cui non piace. Anche se mi addentro solo adesso "in questo mondo" ho il sospetto che "risparmio dati" (spinto) sia inversamente proporzionale al consumo della batteria. Quindi probabilmente un utilizzo delle nuove funzionalità di Greenify in abbinamento potrebbe risolvere un "problema doppio". Sollecito quindi un test in tal senso. :approvato:
Ridurre il consumo di dati su Android - IlSoftware.it